聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 09 2018 alle 16,17

Preghiera al Santuario di Knock, 26/08/2018

Un Rosario d’oro per la Madre’ a Knock

In Irlanda per l’incontro mondiale delle famiglie, papa Francesco si reca in visita al santuario di Knock e affida a Maria le famiglie del mondo, perché siano “siano baluardi di fede e di bontà” resistendo “a tutto ciò che vorrebbe sminuire la dignità dell’uomo e della donna creati a immagine di Dio e chiamati al sublime destino della vita eterna”. Preghiera per le vittime di abusi sessuali. Un ricordo per gli irlandesi del Nord e un saluto ai carcerati che gli hanno scritto.

 


Papa Francesco– Nel contesto dell’Incontro mondiale delle famiglie, quest’oggi papa Francesco si è recato in visita al santuario di Knock, meta di pellegrinaggi mariani. Il santuario di Knock sorge a circa 200 km a nord-ovest di Dublino, su un luogo in cui sarebbe apparsa la Vergine, insieme a san Giuseppe e san Giovanni evangelista, vicino ad angeli attorno a un altare su cui giaceva un agnello immolato, simbolo di Gesù Cristo.

Dopo aver pregato in silenzio nella cappella delle apparizioni, il papa ha rivolto la parola alle migliaia di pellegrini radunati sul piazzale del santuario: “A ricordo della mia visita – ha detto - ho portato in dono un Rosario d’oro. So quanto è importante in questo Paese la tradizione del Rosario familiare. Quanti cuori di padri, madri e figli hanno attinto consolazione e forza nel corso degli anni meditando sulla partecipazione della Madonna ai misteri gaudiosi, luminosi, dolorosi e gloriosi della vita di Cristo!”.

Per le famiglie il pontefice chiede a Maria che vengano sostenute nel “diffondere il Regno di Cristo” e siano “siano baluardi di fede e di bontà” resistendo “a tutto ciò che vorrebbe sminuire la dignità dell’uomo e della donna creati a immagine di Dio e chiamati al sublime destino della vita eterna”.

Va detto che nel 2015, in Irlanda un referendum ha riconosciuto la totale uguaglianza fra matrimoni omosessuali e eterosessuali. Per molti questo referendum è frutto del distacco fra Chiesa irlandese e società prodottosi con lo scandalo degli abusi sessuali sui minori.

Parlando ai fedeli, il papa dice di aver presentato alla Madonna “tutte le vittime di abusi da parte di membri della Chiesa in Irlanda” e dei bambini strappati dalle madri single (una pratica  diffusa nel secolo scorso e scoperta e denunciata in questi anni).

“Nessuno di noi – ha continuato - può esimersi dal commuoversi per le storie di minori che hanno patito abusi, che sono stati derubati dell’innocenza e abbandonati allo sfregio di dolorosi ricordi. Questa piaga aperta ci sfida ad essere fermi e decisi nella ricerca della verità e della giustizia. Imploro il perdono del Signore per questi peccati, per lo scandalo e il tradimento avvertiti da tanti nella famiglia di Dio. Chiedo alla nostra Madre Beata di intercedere per la guarigione di tutte le persone che hanno subito abusi di qualsiasi tipo e di confermare ogni membro della famiglia cristiana nel risoluto proposito di non permettere mai più che queste situazioni accadano”.

Un ultimo pensiero, prima della preghiera dell’Angelus, è verso la popolazione dell’Irlanda del Nord, “perché perseverino, come fratelli e sorelle, nell’opera di riconciliazione”.  “Prego – ha detto - perché tutti i discepoli di Cristo portino avanti con costanza gli sforzi per far progredire il processo di pace e costruire una società armoniosa e giusta per i figli di oggi, siano cristiani, siano musulmani, siano ebrei, tutti figli dell’Irlanda”.

Dopo la preghiera mariana, Francesco ha espresso il suo saluto agli “uomini e donne che sono in carcere” e che, sapendo che egli andava in Irlanda, gli hanno scritto. “Vi sono vicino – ha detto -, molto vicino… Maria Madre di misericordia vegli su di voi e vi rafforzi nella fede e nella speranza”.