聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 20 08 2018 alle 17,32

Angelus, 19 agosto 2018

0

Dal corpo e sangue di Gesù impariamo la vita eterna

Papa Francesco commenta il discorso di Cristo nella sinagoga di Cafarnao: se non mangiate la mia carne e non bevete il mio sangue non avrete in voi la vita. “Gesù ci invita a entrare in comunione con Lui, a vivere per il Signore e i fratelli. Se rinunciamo è perché “facciamo fatica ad agire secondo i suoi criteri e non secondo quelli del mondo”

 


Papa Francesco- Gesù ci invita, oggi come duemila anni fa, nella sinagoga di Cafarnao dopo la moltiplicazione dei pani, a mangiare la sua carne e a bere il suo sangue per “avere in noi la vita”. E noi resistiamo a questo invito, come gli ascoltatori nella sinagoga, “quando facciamo fatica a modellare la nostra esistenza su quella di Gesù, ad agire secondo i suoi criteri e non secondo i criteri del mondo”.

Il pane è la mia carne per la vita del mondo

Così Papa Francesco prima della preghiera dell’Angelus recitata dalla finestra all’ultimo piano del Palazzo apostolico, commentando il brano del Vangelo di questa domenica e la seconda parte del discorso di Gesù a Cafarnao, riportato dall’evangelista Giovanni. Egli si presenta come “il pane vivo disceso dal cielo”, il pane che dà la vita eterna, e aggiunge: “Il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

Nel pane condiviso il dono di sé fino al sacrificio

Subito gli ascoltatori si chiedono dubbiosi, prosegue il Pontefice, “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”, perché non capiscono  il significato vero del segno del pane condiviso “cioè il dono di sé fino al sacrificio”. Così si arriva a rifiutare “Colui che poco prima si voleva portare in trionfo”. Prima volevano farlo re, commenta, “poi il distacco perché non è piaciuta questa parola di Gesù”. Quando però Cristo prosegue: “Se non mangiate la carne del figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita”

La gente e i discepoli intuiscono che “Gesù li invita ad entrare in comunione con Lui, a ‘mangiare’ Lui, la sua umanità, per condividere con Lui il dono della vita per il mondo. Altro che trionfi e miraggi di successo!

L’Eucaristia, anticipazione del cielo sulla terra

Questo pane di vita, chiarisce il Papa, “sacramento del Corpo e del Sangue di Cristo, viene a noi donato gratuitamente nella mensa dell’Eucaristia”. E’ ciò che ci sfama e ci disseta spiritualmente oggi e per l’eternità.

Ogni volta che partecipiamo alla Santa Messa, in un certo senso, anticipiamo il cielo sulla terra, perché dal cibo eucaristico, il Corpo e il Sangue di Gesù, impariamo cos’è la vita eterna. Essa è vivere per il Signore: «colui che mangia me vivrà per me». L’Eucaristia ci plasma perché non viviamo solo per noi stessi, ma per il Signore e per i fratelli. La felicità e l’eternità della vita dipendono dalla nostra capacità di rendere fecondo l’amore evangelico che riceviamo nell’Eucaristia.

La difficoltà di modellare la nostra esistenza su quella di Gesù

Gesù ci invita anche oggi a mangiare la sua carne e a bere il suo sangue, per avere in noi la vita, prosegue Francesco. “Non si tratta di un cibo materiale – chiarisce - ma di un pane vivo e vivificante, che comunica la vita stessa di Dio. Per avere questa vita è necessario nutrirsi del Vangelo e dell’amore dei fratelli”. E se davanti all’invito di Cristo sentiamo la necessità “di discutere e resistere”, come gli ascoltatori della sinagoga, è perché “facciamo fatica a modellare la nostra esistenza su quella di Gesù, ad agire secondo i suoi criteri e non secondo i criteri del mondo”.

Ricevere Cristo vivo che ci prepara per il cielo

Nutrendoci di questo cibo, conclude il Papa possiamo entrare in piena sintonia con Cristo, con i suoi sentimenti, con i suoi comportamenti. 

Per questo è tanto importante comunicarsi; è tanto importante andare alla Messa e ricevere la comunione, perché è ricevere il corpo di Cristo, è ricevere questo Cristo che ci trasforma da dentro e ricevere questo Cristo vivo che ci prepara per il cielo.

Maria ci sostenga, è la sua preghiera finale, nel proposito di fare comunione con Gesù Cristo, nutrendoci della sua Eucaristia, “per diventare a nostra volta pane spezzato per i fratelli”.