聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 08 2018 alle 17,54

RESCRITTO ABOLIZIONE della PENA Di MORTE, 02/08/2018

0

‘inammissibile’ la pena di morte. Corretto il Catechismo della Chiesa cattolica

Con un rescritto, il pontefice inserisce una nuova redazione dell’articolo 2267 che vieta l’uso della pena di morte e impegna la Chiesa alla sua abolizione nel mondo. Il precedente articolo (pubblicato nel 1992) ammetteva il ricorso all’esecuzione capitale, pur con estrema cautela. Cina, Arabia saudita, Iran sono fra i Paesi che comminano più condanne a morte.

 


Papa Francesco-“La pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona”; per questo la Chiesa “si impegna con determinazione per la sua abolizione in tutto il mondo”. La citazione di un discorso di papa Francesco e la conclusione sono inseriti da oggi nel Catechismo della Chiesa cattolica, eliminando la possibilità del ricorso alla pena di morte, che invece era ammesso – pur con estrema cautela - nell’edizione precedente.

Un rescritto a firma del card. Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, è stato diffuso oggi dalla Sala stampa vaticana con una nuova redazione dell’articolo n. 2267  del Catechismo della Chiesa cattolica.

Il testo è il seguente:

“2267. Per molto tempo il ricorso alla pena di morte da parte della legittima autorità, dopo un processo regolare, fu ritenuta una risposta adeguata alla gravità di alcuni delitti e un mezzo accettabile, anche se estremo, per la tutela del bene comune.

Oggi è sempre più viva la consapevolezza che la dignità della persona non viene perduta neanche dopo aver commesso crimini gravissimi. Inoltre, si è diffusa una nuova comprensione del senso delle sanzioni penali da parte dello Stato. Infine, sono stati messi a punto sistemi di detenzione più efficaci, che garantiscono la doverosa difesa dei cittadini, ma, allo stesso tempo, non tolgono al reo in modo definitivo la possibilità di redimersi.

Pertanto la Chiesa insegna, alla luce del Vangelo, che «la pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona»,[1] e si impegna con determinazione per la sua abolizione in tutto il mondo”.

L’edizione precedente, varata nel 1992, ai tempi di Giovanni Paolo II, è la seguente:

“2267 L'insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell'identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l'unica via praticabile per difendere efficacemente dall'aggressore ingiusto la vita di esseri umani.

Se invece i mezzi incruenti sono sufficienti per difendere dall'aggressore e per proteggere la sicurezza delle persone, l'autorità si limiterà a questi mezzi, poichè essi sono meglio rispondenti alle condizioni concrete del bene comune e sono più conformi alla dignità della persona umana.

Oggi, infatti, a seguito delle possibilità di cui lo Stato dispone per reprimere efficacemente il crimine rendendo inoffensivo colui che l'ha commesso, senza togliergli definitivamente la possibilità di redimersi, i casi di assoluta necessità di soppressione del reo “sono ormai molto rari, se non addirittura praticamente inesistenti” [Evangelium vitae, n. 56]”.

Negli anni scorsi, lo stesso papa Francesco aveva sostenuto la campagna per una “moratoria universale” delle esecuzioni capitali.