聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 08 2018 alle 16,40

Angelus, 22 luglio 2018

Si agisca con prontezza per evitare i naufragi di migranti

Al termine della preghiera dell’Angelus, Papa Francesco ha rivolto un appello perché la comunità internazionale si impegni per evitare nuove tragedie in mare.

 


Papa Francesco-Nel cuore di Papa Francesco ci sono i drammi del mondo e in particolare le tragedie che riguardano i migranti, spesso prede di trafficanti di esseri umani. Al termine dell’Angelus ha ricordato gli ultimi naufragi di barconi carichi di migranti nel Mediterraneo.
Celerità per evitare le tragedie del mare
Forte l’appello di Francesco alla comunità internazionale perché agisca con decisione e prontezza:
“Cari fratelli e sorelle, sono giunte in queste ultime settimane drammatiche notizie di naufragi di barconi carichi di migranti nelle acque del Mediterraneo. Esprimo il mio dolore di fronte a tali tragedie ed assicuro per gli scomparsi e le loro famiglie il mio ricordo e la mia preghiera. Rivolgo un accorato appello affinché la comunità internazionale agisca con decisione e prontezza, onde evitare che simili tragedie abbiano a ripetersi, e per garantire la sicurezza, il rispetto dei diritti e della dignità di tutti.”
La Cei: non si volga lo sguardo altrove
Anche i vescovi italiani, alcuni giorni fa, avevano lanciato un appello perché si risponda con umanità al dramma di migliaia di migranti costretti a lasciare il loro Paese per cercare una vita migliore.
A Malta, salvati gli occupanti di un barcone capovolto
C’è anche una donna incinta e un bambino tra i 19 migranti salvati oggi al largo di Malta. L’imbarcazione sulla quale viaggiavano, proveniente dalla Libia, si è capovolta ma i soccorritori sono riusciti a trarre in salvo tutti gli occupanti. Sono 40 i migranti salvati dalla Guardia Costiera libica che ha provveduto poi a trasferirli in una base navale di Tripoli. Il barcone ospitava persone provenienti da Marocco, Egitto, Siria e Nigeria. Intanto cresce la tensione tra la Libia e l’Ong “Open Arms£, l’organizzazione spagnola che ha denunciato Tripoli e Roma per omissione di soccorso e omicidio colposo per il mancato salvataggio di alcuni migranti. La Libia accusa di calunnie l’Ong, smentite sulla ricostruzione dei fatti arrivano anche dal ministero dell’interno italiano.