聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 20 06 2018 alle 23,47

INTERVISTA, 20/06/2018

‘A buon punto’ il dialogo con la Cina
Papa Francesco esprime le sue speranze nei suoi rapporti con la Cina. Non solo dialoghi diplomatici, ma anche culturali e di amicizia. Il card. Zen “un po’ spaventato”.
 


Papa Francesco- Nel dialogo con la Cina “siamo a buon punto”; oltre ai canali diplomatici vi sono i canali delle amicizie e quelli culturali; il popolo cinese è “molto saggio” e sa aspettare. Sono alcuni dei punti che papa Francesco ha voluto sottolineare in un’intervista con il giornalista Phil Pulella di Reuters. Per gentile concessione, pubblichiamo qui uno stralcio della registrazione del dialogo fra il pontefice e il giornalista, tenutosi due giorni fa.

 

D: Come va il rapporto di riavvicinamento con la Cina?

Siamo a buon punto, ma i rapporti con la Cina vanno per tre strade diverse. Prima di tutto c’è quella ufficiale, viene qui la delegazione cinese, fa la riunione e poi la delegazione vaticana va in Cina. Sono buoni rapporti e sono riusciti a fare cose buone. Questo è il dialogo ufficiale. 

Poi c’è un secondo dialogo, di tutti e con tutti. “Io sono cugino del ministro tale che mi manda a dire che...” e sempre c’è una risposta.  “Si, va bene, andiamo avanti”. Ci sono questi canali aperti periferici che sono, diciamo, umani e non vogliamo bruciarli. Si vede la buona volontà, sia della Santa Sede sia del governo cinese. Il terzo, che per me è il più importante nel dialogo di riavvicinamento con la Cina, è culturale. Ci sono sacerdoti che lavorano nelle università cinesi. Poi c’è anche la cultura, come la mostra che abbiamo fatto in Vaticano e in Cina[1], è la strada tradizionale, come quella dei grandi, come Matteo Ricci.       

A me piace pensare ai rapporti con la Cina così, polifacètici, non solo quello ufficiale diplomatico, perché questi due altri arricchiscono tanto. Credo che va bene. Nella sua domanda, Lei ha parlato di due passi avanti e uno indietro, ma io dico che i cinesi meritano il premio Nobel della pazienza, perché sono bravi, sanno aspettare, il tempo è loro e hanno secoli di cultura… è un popolo saggio, molto saggio. Io rispetto tanto la Cina.

D: Come risponde alle preoccupazioni come quelle del Cardinale Zen?

R: Il cardinale Zen insegnava teologia nei seminari patriottici.  Penso che è un po’ spaventato. Anche l’età forse influisce un po’. È un uomo buono. È venuto a parlare con me, l’ho ricevuto, ma è un po’ spaventato. Il dialogo è un rischio, ma preferisco il rischio che non la sconfitta sicura di non dialogare. Per quanto riguarda i tempi, qualcuno dice sono i tempi cinesi. Io dico che sono i tempi di Dio, avanti, tranquilli.

 

 

[1] La doppia mostra, in Vaticano e a Pechino, decisa lo scorso novembre, avrebbe dovuto tenersi a marzo 2018, ma – secondo fonti vaticane - non si sono ancora realizzate per “motivi tecnici” ..