聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 12 06 2018 alle 16,13

Angelus, 10/06/2018

La Madonna, Regina della Corea, accompagni i dialoghi fra Trump e Kim Jong-un

All’Angelus papa Francesco ha fatto recitare un'Ave Maria perchè l'incontro fra i due leader porti "un futuro di pace" per la C orea e per il mondo. “Il peccato contro lo Spirito Santo, unico peccato imperdonabile, perché parte da una chiusura del cuore alla misericordia di Dio che agisce in Gesù”. Anche a noi può succedere che “in modo premeditato”, si voglia “distruggere la buona fama dell’altro”. Questo atteggiamento è capace di distruggere le famiglie, le amicizie, la società intera. “Tutti coloro che accolgono la parola di Gesù sono figli di Dio e fratelli tra di loro”. Maria, perfetta discepola.

 


Papa Francesco– A due giorni dall’incontro fra Donald Trump e Kim Jong-un, il presidente Usa e il leader nord-coreano, che si terrà a Singapore, papa Francesco ha voluto esprimere la sua attenzione e cura per “l’amato popolo coreano”. Parlando con i pellegrini radunati oggi in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus, dopo la preghiera mariana, egli ha affidato alla “Madonna, Regina della Corea” i “dialoghi di questi giorni”, perché possano assicurare “un futuro di pace per la penisola coreana e per il mondo intero”. Al suo appello è seguito l’invito ai presenti di recitare insieme l’Ave Maria. Non è la prima volta che Francesco ricorda e prega per la pace in Corea: aveva già ricordato i dialoghi intercoreani lo scorso 29 aprile, al Regina Caeli. Egfli ha anche inviato una lettera alla Chiesa coreana perchè tutti insieme si preghi per la buona riuscita dei dialoghi. All'udienza generale del 30 maggio, aveva fatto esibire atleti di taekwondo della Corea del Nord e del Sud, che hanno esposto uno striscione con la scritta "La pace è più preziosa del trionfo".

In precedenza, Francesco si è soffermato sul vangelo di questa domenica (10ma per anno B, Marco 3,20-35), spiegando che Gesù “ha dovuto affrontare” due tipi di “incomprensione”: quella degli scribi, “uomini istruiti nelle Sacre Scritture”, e “quella dei suoi stessi familiari”. Gli scribi, ha continuato, gli fanno “un’accusa precisa e terribile: «Costui è posseduto da Beelzebul e scaccia i demoni per mezzo del capo dei demoni» (v. 22). Infatti Gesù guariva molti malati, e loro vogliono far credere che lo faccia non con lo Spirito di Dio, ma con quello del Maligno”.

In tal modo, “senza accorgersene, [essi] stanno cadendo nel peccato più grave: negare e bestemmiare l’Amore di Dio che è presente e opera in Gesù. È il peccato contro lo Spirito Santo, unico peccato imperdonabile, perché parte da una chiusura del cuore alla misericordia di Dio che agisce in Gesù”.

Il papa fa notare che anche a noi “può capitare che una forte invidia per la bontà e per le opere buone di una persona possa spingere ad accusarla falsamente. Qui c’è un veleno mortale: la malizia con cui in modo premeditato si vuole distruggere la buona fama dell’altro. Dio ci liberi da questa terribile tentazione!”. Per questo peccato, il consiglio di Francesco è di andare “subito a confessarlo nel sacramento della Penitenza, prima che si sviluppi e produca i suoi effetti malvagi”.

Questo atteggiamento – ha aggiunto a braccio – è capace di distruggere le famiglie, le amicizie, la società intera.

L’altra incomprensione è quella dei familiari di Gesù, “preoccupati, perché la sua nuova vita itinerante sembrava loro una pazzia (cfr v. 21). Infatti, Egli si mostrava così disponibile per la gente, soprattutto per i malati e i peccatori, al punto da non avere più nemmeno il tempo di mangiare”.

Gesù si rifiuta di incontrare i suoi. La sua risposta (“chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre”), mostra che “Gesù ha formato una nuova famiglia, non più basata sui legami naturali, ma sulla fede in Lui, sul suo amore che ci accoglie e ci unisce tra noi, nello Spirito Santo. Tutti coloro che accolgono la parola di Gesù sono figli di Dio e fratelli tra di loro”.

“Quella risposta di Gesù – ha concluso - non è una mancanza di rispetto verso sua madre e i suoi familiari. Anzi, per Maria è il più grande riconoscimento, perché proprio lei è la perfetta discepola che ha obbedito in tutto alla volontà di Dio. Ci aiuti la Vergine Madre a vivere sempre in comunione con Gesù, riconoscendo l’opera dello Spirito Santo che agisce in Lui e nella Chiesa, rigenerando il mondo a vita nuova”.