聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 06 06 2018 alle 22,45

UDIENZA GENERALE, 06/06/2018

0

Lo Spirito è un dono da condividere, ‘l’anima non è un magazzino’

Nuovo monito di Francesco contro le chiacchiere che “sono guerra”. “Il chiacchiericcio distrugge quello che da Dio. Per favore smettiamola di chiacchierare”. “Qualcuno pensa che nella Chiesa ci sono i padroni: i vescovi, il papa e poi ci sono gli operai”. “No la Chiesa siamo noi”.


Papa Francesco– La confermazione unisce più strettamente il cresimato alla Chiesa e alla sua missione di testimoniare Cristo. Il dono dello Spirito Santo che egli riceve deve essere condiviso con gli altri. “Dobbiamo infatti pensare alla Chiesa come a un organismo vivo, composto di persone che conosciamo e con cui camminiamo, e non come a una realtà astratta e lontana”. “La Chiesa siamo noi”.

Proseguendo nel ciclo di catechesi sul sacramento della Confermazione, papa Francesco ha centrato la sua riflessione sul dono dello Spirito Santo che “Nessuno riceve per se stesso”. “Sempre ricevere per dare. L’anima non è un magazzino”.

Alle 20mila persone presenti in piazza san Pietro Francesco ha poi sottolineato il valore della “pace” : “il Vescovo dice, infatti, a ogni confermato: «La pace sia con te»”. “Ricevere la pace impegna a lavorare per migliorare la concordia in parrocchia”. Ma poi “usciamo e cominciano le chiacchiere e le chiacchiere sono guerra”.

Lo Spirito Santo, è “un dono che entra in noi e fa fruttificare perché noi possiamo dare agli altri”. “Sempre ricevere per dare. L’anima non è un magazzino. Ricevere per dare”. “Completando nei battezzati la somiglianza a Cristo, la Confermazione li unisce più fortemente come membra vive al corpo mistico della Chiesa (cfr Rito della Confermazione, n. 25). La missione della Chiesa nel mondo procede attraverso l’apporto di tutti coloro che ne sono parte”. “Qualcuno pensa che nella Chiesa ci sono i padroni: i vescovi, il papa e poi ci sono gli operai”. “No la Chiesa siamo noi”. “Dobbiamo infatti pensare alla Chiesa come a un organismo vivo, composto di persone che conosciamo e con cui camminiamo, e non come a una realtà astratta e lontana. La Confermazione vincola alla Chiesa universale, sparsa su tutta la terra, coinvolgendo però attivamente i cresimati nella vita della Chiesa particolare a cui essi appartengono, con a capo il Vescovo, che è il successore degli Apostoli. Per questo il Vescovo è il ministro originario della Confermazione (cfr Lumen gentium, 26). Perché lui unisce il confermato nella Chiesa”.

“Questa incorporazione ecclesiale è ben significata dal segno di pace che conclude il rito della crismazione. Il Vescovo dice, infatti, a ogni confermato: «La pace sia con te». Ricordando il saluto di Cristo ai discepoli la sera di Pasqua, colma di Spirito Santo (cfr Gv 20,19-23), queste parole illuminano un gesto che «esprime la comunione ecclesiale con il Vescovo e con tutti i fedeli» (cfr CCC, 1301). Noi nella cresima riceviamo lo Spirito Santo e la pace che dobbiamo darla agli altri”. “Questo significa pace”. “Ma poi cosa succede? Usciamo e cominciano le chiacchiere e le chiacchiere sono guerra”. “Il chiacchiericcio distrugge quello che da Dio. Per favore smettiamola di chiacchierare”.

“Ricevere la pace dal Vescovo impegna i cresimati a lavorare per tessere la comunione dentro e fuori la Chiesa, con entusiasmo e senza farsi paralizzare da resistenze. Ricevere la pace impegna a lavorare per migliorare la concordia in parrocchia, favorendo l’intesa con gli altri, includendo e non scartando o emarginando. Ricevere la pace impegna ancora a cooperare con chi è diverso da noi, coscienti che la comunità cristiana si edifica mediante ricchezze differenti e complementari. Lo Spirito è creativo e non ripetitivo. I suoi doni suscitano sinfonia e non monotonia! La sua opera coinvolge tutti coloro che recano in sé il suo sigillo”.

“Nessuno riceve la Confermazione solo per sé stesso, ma per cooperare alla crescita spirituale degli altri. Solo così, aprendoci e uscendo da noi stessi per incontrare i fratelli, possiamo davvero crescere e non solo illuderci di farlo. Quanto riceviamo in dono da Dio dev’essere infatti donato affinché sia fecondo, e non invece seppellito a motivo di timori egoistici, come insegna la parabola dei talenti (cfr Mt 25,14-30)”.

“Esorto i cresimati – ha concluso Francesco - a non ‘ingabbiare’ lo Spirito Santo, a non opporre resistenza al Vento che soffia per spingerli a camminare in libertà, a non soffocare il Fuoco ardente della carità che porta a consumare la vita per Dio e per i fratelli. Che lo Spirito Santo conceda a tutti noi il coraggio apostolico di comunicare il Vangelo, con le opere e le parole, a quanti incontriamo sulla nostra strada. Ma con le parole buone, non con le chiacchiere”.