聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 30 05 2018 alle 15,01

Santa Marta, 29 maggio 2018

Non tornare agli schemi del mondo, tolgono libertà

Nella Messa mattutina a Casa Santa Marta il Papa esorta a camminare verso la santità e a non tornare agli schemi del mondo

 


Papa Francesco-Nei momenti di prova non tornare agli schemi del mondo, che tolgono libertà. Bisogna invece rimanere in cammino verso la santità. Lo ricorda il Papa stamani nella Messa a Casa Santa Marta.

Essere santo non è avere faccia da immaginetta

Si parte dalla Prima Lettura (1Pt 1,10-16) odierna nella quale Pietro invita a camminare verso la santità:

E la chiamata alla santità, che è la chiamata normale, è la chiamata a vivere da cristiano, cioè vivere da cristiano è lo stesso che dire ‘vivere da santo’. Tante volte, noi pensiamo alla santità come a una cosa straordinaria, come avere delle visioni o preghiere elevatissime … o alcuni pensano che essere santo significhi avere una faccia da immaginetta, … no. Essere santi è un’altra cosa. E’ camminare su questo che il Signore ci dice sulla santità. E cosa è, camminare sulla santità? E Pietro lo dice: “Ponete tutta la vostra speranza in quella grazia che vi sarà data quando Gesù Cristo si manifesterà”.

Camminare verso la luce

“Camminare verso la santità” consiste quindi nel cam

minare verso quella grazia che viene incontro, camminare verso la speranza, essere in tensione verso l’incontro con Gesù Cristo. E’ come quando si cammina verso la luce: tante volte non si vede bene la strada perché la luce ci abbaglia. “Ma non sbagliamo - nota il Papa - perché vediamo la luce e sappiamo la strada”. Quando invece si cammina con la luce alle spalle, si vede bene la strada: in realtà però davanti a noi c’è ombra, non luce.

Non tornare agli schemi del mondo

Per camminare verso la santità, poi, è necessario “essere liberi e sentirsi liberi”. Il Papa avverte però che ci sono tante cose che schiavizzano. Per questo Pietro esorta a non conformarsi ai desideri “di un tempo quando eravate nell’ignoranza”. Anche Paolo nella Lettera ai  Romani dice: “non conformatevi”, che significa “non entrate negli schemi”:

“Questa è la traduzione corretta di questi consiglio – non entrate negli schemi del mondo, non entrate negli schemi, nel modo di pensare mondano, nel modo di pensare e di giudicare che ti offre il mondo, perché questo ti toglie la libertà”. E per andare sulla santità, bisogna essere liberi: la libertà di andar guardando la luce, di andare avanti. E quando noi torniamo, come dice qui, al modo di vivere che avevamo prima dell’incontro con Gesù Cristo o quando noi torniamo agli schemi del mondo, perdiamo la libertà.

Senza libertà non si può essere santi

Nel Libro dell’Esodo si vede, infatti, come tante volte il popolo di Dio non ha voluto guardare avanti, verso la salvezza, ma tornare indietro. Si lamentavano e “immaginavano la bella vita che passavano in Egitto” dove mangiavano cipolle e carne, evidenzia Francesco. “Nei momenti di difficoltà, il popolo torna indietro”, “perde la libertà”: è vero che mangiavano cose buone ma alla “mensa della schiavitù”.

Nella prova non guardare indietro:
Nel momenti della prova, noi abbiamo sempre la tentazione di guardare indietro, di guardare agli schemi del mondo, agli schemi che avevamo noi prima di iniziare il cammino della salvezza: senza libertà. E senza libertà non si può essere santi. La libertà è la condizione per poter camminare guardando la luce avanti. Non entrare negli schemi della mondanità: camminare avanti, guardando la luce che è la promessa, in speranza; questa è quella promessa come il popolo di Dio nel deserto: quando guardavano avanti andavano bene; quando veniva loro la nostalgia perché non potevano mangiare le cose buone che davano loro lì, sbagliavano e dimenticavano che lì non avevano libertà. 
Gli schemi mondani promettono tutto e non danno niente
Il Signore, quindi, chiama alla santità di tutti i giorni. E ci sono due parametri per sapere se siamo in cammino verso la santità: prima di tutto, se guardiamo verso la luce del Signore nella speranza di trovarlo e, poi, se, quando vengono le prove, guardiamo avanti e non perdiamo la libertà rifugiandoci negli schemi mondani, che “ti promettono tutto e non ti danno niente”. “Sarete santi perché Io sono santo”: è il comandamento del Signore. Francesco lo ricorda ancora in conclusione per esortare a chiedere la grazia di capire bene cosa sia il cammino della santità: “strada di libertà ma in tensione di speranza verso l’incontro con Gesù”. E di capire bene anche cosa sia andare verso gli “schemi mondani che avevamo tutti noi, prima dell’incontro con Gesù”.