聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 21 05 2018 alle 12,31

Discorso - Nomadelfia, 10/05/2018

Nomadelfia, ‘modello di amore fraterno’ ispirato alla Chiesa delle origini

 

 “in risposta a una speciale vocazione del Signore, si stabiliscono legami ben più solidi di quelli della parentela.

 

 


PAPA FRANCESCO– Attuare un “modello di amore fraterno” ispirato alla “Chiesa delle origini” e fondato sulla Legge della fraternità, cioè Nomadelfia. Che è  un comune della Toscana, dove oggi si è recato papa Francesco (nella foto) per rendere visita a una comunità nella quale si tenta di applicare la vita delle prime comunità cristiane: non c’è denaro, non ci sono beni privati, i bambini sono cresciuti in comunità e la comunità cura gli anziani.

Fondata nel 1947 da don Zeno Saltini e comprendente attualmente circa 300 persone, Nomadelfia, visitata nel 1989 da Giovanni Paolo II, “è stato – ha detto Francesco - il sogno e l’obiettivo di tutta l’esistenza di Don Zeno, che desiderava una comunità di vita ispirata al modello delineato negli Atti degli Apostoli”.

“Di fronte alle sofferenze di bambini orfani o segnati dal disagio – ha detto ancora - don Zeno comprese che l’unico linguaggio che essi comprendevano era quello dell’amore. Pertanto, seppe individuare una peculiare forma di società dove non c’è spazio per l’isolamento o la solitudine, ma vige il principio della collaborazione tra diverse famiglie, dove i membri si riconoscono fratelli nella fede. Così a Nomadelfia, in risposta a una speciale vocazione del Signore, si stabiliscono legami ben più solidi di quelli della parentela. Viene attuata una consanguineità con Gesù, propria di chi è rinato dall’acqua e dallo Spirito Santo e secondo le parole del divino Maestro”.

Arrivato a Nomadelfia poco dopo le 8, il Papa, accolto da don Ferdinando Neri, successore di don Zeno, e da Francesco Matterazzo, presidente della Comunità, si è recato al cimitero per una preghiera sulla tomba del fondatore, morto nel 1981. Uscendo dal cimitero Francesco ha partecipato a un incontro con la comunità, segnato da recitazione, canti e danze.

Il Papa, che dopo Nomadelfia visiterà anche la non lontana Loppiano, Cittadella internazionale del Movimento dei Focolari, prima di lasciare i “nomadelfi” ha sottolineato “anche un altro segno profetico e di grande umanità di Nomadelfia: si tratta dell’attenzione amorevole verso gli anziani che, anche quando non godono di buona salute, restano in famiglia e sono sostenuti dai fratelli e dalle sorelle di tutta la comunità. Continuate su questa strada, incarnando il modello dell’amore fraterno, anche mediante opere e segni visibili, nei molteplici contesti dove la carità evangelica vi chiama, ma sempre conservando lo spirito di Don Zeno che voleva una Nomadelfia ‘leggera’ ed essenziale nelle sue strutture. Di fronte a un mondo talvolta ostile agli ideali predicati da Cristo, non esitate a rispondere con la testimonianza gioiosa e serena della vostra vita, ispirata al Vangelo”.