聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 30 04 2018 alle 21,05

Santa Marta, 30/04/2018

0

Le curiosità non buone e la certezza che dà lo Spirito

Alla messa nella casa santa Marta, papa Francesco mette in guardia dalle curiosità che si trovano nel “mondo virtuale”, nei “telefonini”, e nel “chiacchiericcio”. La curiosità buona è quella dei bambini che pongono i “perché” per crescere. Gli apostoli domandano a Gesù e Lui promette loro lo Spirito che “è il compagno, compagno di via del cristiano”, che “v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto”.

 


Papa Francesco– C’è una curiosità buona, in cui si domanda per crescere, e una non buona che “sporca” le persone, soprattutto con l’uso dei “mondo virtuale” e dei “telefonini”. E poi vi è la curiosità dei discepoli, che ricevono la promessa cerca dello Spirito santo.

Sono i temi che papa Francesco ha affrontato nella sua omelia di stamane alla messa presso la Casa santa Marta, riferendosi al vangelo della messa di oggi (Giov. 14,21-26) in cui Gesù risponde alla domanda di Giuda (non l’Iscariota) su come Egli si manifesterà al mondo.

Per Francesco, la “nostra vita è piena di curiosità”. Vi sono curiosità buone, come quelle dei bambini che assillano con i loro “perché”: essa serve a crescere, ad “avere più autonomia”: “i bambini vedono, contemplano, non capiscono e domandano”.

Ma vi è anche una curiosità cattiva, come quando si è preda del “chiacchiericcio”, nel cercare di “annusare la vita altrui”, andando verso luoghi che alla fine “sporcano le altre persone”.

Parlando sempre del lato negativo, il pontefice ricorda “tante curiosità, per esempio, nel mondo virtuale, con i telefonini e le cose… I bambini vanno lì e sono curiosi di vedere; e tante cose brutte trovano lì. Non c’è una disciplina in quella curiosità. Dobbiamo aiutare i ragazzi a vivere in questo mondo, perché la voglia di sapere non sia voglia di essere curiosi, e finiscano prigionieri di questa curiosità”.

La curiosità manifestata dagli apostoli è “buona”: “Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?”. A tale domanda, Gesù risponde con una certezza: il dono dello Spirito che “v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto”.

“La certezza – ha sottolineato - ce la darà lo Spirito Santo nella vita”. Egli non viene “con un pacco di certezze, e prendi”, ma domandando “allo Spirito Santo, apriamo il cuore, e lui ci dà la certezza per quel momento, la risposta per quel momento”.

“Lo Spirito Santo – ha aggiunto - è il compagno, compagno di via del cristiano”.

“Chiediamo al Signore – ha concluso - due cose oggi: primo, di purificarci nell’accettare le curiosità – ci sono curiosità buone e non tanto buone – e saper discernere: no questo non devo vederlo, questo non devo vederlo, questo non devo domandarlo…. E seconda grazia: aprire il cuore allo Spirito Santo, perché lui è la certezza, ci dà la certezza, come compagno di cammino, delle cose che Gesù ci ha insegnato, e ci ricorda tutto”.