聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 03 04 2018 alle 09,01

UDIENZA GENERALE, 28/03/2018

0

il cristiano non può vivere con la morte nell’anima, né essere causa di morte

Domani comincia il Triduo pasquale che ripropone i grandi eventi della salvezza operati da Cristo. “La giustificazione di Gesù ci salva dalla corruzione”, ma “ci sono i cristiani finti, dicono io sono giustificato da Gesù, ma vivo un  vita corrotta e questi finiranno male. Tutti siamo peccatori, ma il cristiano corrotto ha la morte nell’anima. Per non andare lontano pensiamo ai cristiani mafiosi”.

 


Papa Francesco-Con la morte e la risurrezione di Gesù siamo “giustificati”: salvati dalla corruzione. “Non si può più vivere con la morte nell’anima, e neanche essere causa di morte”. Ma “ci sono i cristiani finti, dicono: io sono giustificato da Gesù, ma vivo un  vita corrotta. E questi finiranno male”. “Per non andare lontano pensiamo ai cristiani mafiosi”. E’ il monito lanciato oggi da papa Francesco che ha dedicato la catechesi per l’udienza generale al Triduo pasquale, che cominci domani, e che “segna le tappe fondamentali della nostra fede e della nostra vocazione nel mondo” e termina con “un annuncio di gioia e di speranza, ma anche un appello alla responsabilità e alla missione”.

Alle 15mila persone presenti in piazza san Pietro, il Papa ha ricordato che domani cominciano “i giorni più importanti dell’anno liturgico”. A braccio, ha poi chiesto: “quale festa è più importante per la nostra fede?”. E alla risposta dei presenti: “la Pasqua”, ha aggiunto “ma voi sapete che io fino a 15 anni ero convinto che fosse il Natale?”.

“Questi giorni – ha ripreso - costituiscono la memoria celebrativa di un unico grande mistero: la morte e la risurrezione del Signore Gesù. Il Triduo ha inizio domani, con la Messa ‘in Coena Domini’, e si concluderà con i vespri della Domenica di Risurrezione. Poi viene Pasquetta, ma è familiare, è post-liturgica. Esso segna le tappe fondamentali della nostra fede e della nostra vocazione nel mondo, e tutti i cristiani sono chiamati a vivere i tre Giorni santi come, per così dire, la ‘matrice’ della loro vita personale e comunitaria, come l’esodo dall’Egitto lo è per i nostri fratelli ebrei. Questi tre Giorni ripropongono al popolo cristiano i grandi eventi della salvezza operati da Cristo, e così lo proiettano nell’orizzonte del suo destino futuro e lo rafforzano nel suo impegno di testimonianza nella storia”.

“La mattina di Pasqua, ripercorrendo le tappe vissute nel Triduo, il canto della Sequenza farà udire solennemente l’annuncio della risurrezione. E dice così: «Cristo, nostra speranza, è risorto e ci precede in Galilea». E in tanti popoli, specialmente nell’est Europa, tanta gente si saluta non ‘buongiorno’, ma ‘Cristo è risorto’. In queste parole di commossa esultanza culmina il Triduo. Esse contengono non soltanto un annuncio di gioia e di speranza, ma anche un appello alla responsabilità e alla missione”.

“Questo annuncio, a cui il Triduo conduce preparandoci ad accoglierlo, è il centro della nostra fede e della nostra speranza, è il nocciolo, il kerygma che continuamente evangelizza la Chiesa e che essa a sua volta è inviata ad evangelizzare. San Paolo riassume l’evento pasquale in questa espressione: «Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato» (1 Cor 5,7). Come l’agnello. Pertanto «le cose vecchie sono passate e ne sono nate di nuove» (2 Cor 5,15). Rinate. Per questo il giorno di Pasqua si battezzava la gente. E sabato io battezzerò otto persone adulte”.

“Per il Battesimo, infatti, siamo risorti con Gesù e siamo morti alle cose e alla logica del mondo; siamo rinati come creature nuove: una realtà che chiede di diventare esistenza concreta giorno per giorno. Un cristiano, se veramente si lascia lavare da Cristo, se veramente si lascia spogliare da Lui dell’uomo vecchio per camminare in una vita nuova, pur rimanendo peccatore, perché tutti lo siamo, non può più essere corrotto. La giustificazione di Gesù ci salva dalla corruzione. Siamo peccatori, ma non corrotti, il cristiano non può più vivere con la morte nell’anima, e neanche essere causa di morte. Adesso devo dire una cosa triste e dolorosa: ci sono i cristiani finti, quelli che dicono ‘Gesù è risorto, io sono stato giustificato da Gesù, sono nella vita nuova’, ma… vivo una vita corrotta. E questi cristiani finti finiranno male. Il cristiano, ripeto, è peccatore, tutti lo siamo, io lo sono, ma abbiamo la sicurezza che quando chiediamo perdono il Signore ci perdona. Il corrotto fa finta di essere una persona onorevole ma alla fine nel suo cuore c’è la putredine. Gesù ci dà una vita nuova. Il cristiano non può vivere con la morte nel cuore né dare la morte. Pensiamo a casa, pensiamo ai cosiddetti cristiani mafiosi: ma questi di cristiano non hanno nulla, si dicono cristiani ma portano la morte nell’anima e agli altri. Preghiamo per loro, perché il Signore tocchi la loro anima”.

“Un cristiano, se veramente si lascia lavare da Cristo, se veramente si lascia spogliare da Lui dell’uomo vecchio per camminare in una vita nuova, pur rimanendo peccatore, non può più essere corrotto; non può più vivere con la morte nell’anima, e neanche essere causa di morte. Il prossimo, soprattutto il più piccolo e il più sofferente, diventa il volto concreto a cui donare l’amore che Gesù ha donato a noi. E il mondo diventa lo spazio della nostra nuova vita da risorti. In piedi, e con la fronte alta, possiamo condividere l’umiliazione di coloro che ancora oggi, come Gesù, sono nella sofferenza, nella nudità, nella necessità, nella solitudine, nella morte, per diventare, grazie a Lui e con Lui, strumenti di riscatto e di speranza, segni di vita e di risurrezione”. “In tanti paesi qui in Italia e anche nella mia patria c’è l’abitudine che quando è il giorno di Pasqua si ascoltano le campane le mamme le nonne portano i bambini a lavarsi gli occhi con l’acqua, l’acqua della vita, per fare un segno di poter veder le cose di Gesù, le cose nuove”.

 “Nel lasciarvi questi pensieri, formulo a tutti voi i più cordiali auguri di una lieta e santa Pasqua, insieme con le vostre comunità e i vostri cari. E vi consiglio: la mattina di Pasqua portate i bambini al rubinetto e fare lavare gli occhi, sarà un segno di come vedere Gesù risorto”.