聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 20 03 2018 alle 10,59

Omelia per l’episcopato a tre nuovi nunzi, 19/03/2018

0

La preghiera è il primo compito

Essi sono: mons. Waldemar Stanisław Sommertag, nunzio in Nicaragua; mons. Alfred Xuereb, nunzio apostolico in Corea e Mongolia; mons. José Avelino Bettencourt, nunzio in Armenia e Georgia. Il papa ha sottolineato che il vescovo ha una missione “per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio” e ha subito aggiunto con enfasi: “Non per gli affari, per la politica, per le altre cose”.


Papa Francesco – “I vescovi hanno un primissimo compito: la preghiera”: lo ha ricordato oggi papa Francesco ordinando come arcivescovi titolari tre sacerdoti della Curia romana, a cui è stato affidato il compito di nunzio apostolico.

Si tratta di mons. Waldemar Stanisław Sommertag 50 anni, del clero della diocesi di Pelplin (Polonia), nominato nunzio in Nicaragua (foto 3); mons. Alfred Xuereb, 59 anni, del clero della diocesi di Gozo (Malta), già segretario particolare di Benedetto XVI e papa Francesco (v. foto 1), ora nominato nunzio apostolico in Corea e Mongolia; mons. José Avelino Bettencourt, 56 anni, di origine portoghese, del clero dell’arcidiocesi di Ottawa (Canada), nominato nunzio in Armenia e Georgia (v. foto 2).

La cerimonia si è svolta all’altare della Confessione, nel centro della basilica di san Pietro in occasione della solennità di san Giuseppe. Con il papa hanno concelebrato il card. Pietro Parolin, segretario di Stato, e il card. Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, oltre a decine di altri vescovi e cardinali.

Come già in diversi casi simili, l’omelia pronunciata dal pontefice ricalca quella prevista nel rituale del Pontificale romano per le ordinazioni dei vescovi, con qualche aggiunta ed enfasi significative.

Oltre alla sottolineatura sulla preghiera come “primissimo compito” del vescovo, papa Francesco, citando la lettera agli Ebrei (5,1), ha affermato che “ogni sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio” e ha subito aggiunto con enfasi: “Non per gli affari, per la politica, per le altre cose”.

Chiedendo ai candidati di essere testimoni dell’amore del Buon Pastore, Francesco ha aggiunto: “Amate tutti quelli che il Signore vi affida: siate vicini ai sacerdoti, ogni giorno, ma [siate vicini] anche ai poveri, agli indifesi”. E infine, dato il compito di nunzio a loro affidato il papa ha chiesto di testimoniare “la sollecitudine per tutte le Chiese”, alle quali mostrare sempre vicinanza e solidarietà.