聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 14 03 2018 alle 19,02

Paolo VI Santo, 07/03/2018

0

Saranno santi Paolo VI e mons. Romero

Giovanni Battista Montini è stato il papa del Concilio e il grande riformatore della Chiesa dei giorni nostri, mons. Romero è il “martire del Salvador”, ucciso “in odio alla fede” per la sua difesa dei poveri e la denuncia della repressione.

 


– Saranno santi Paolo VI e Oscar Arnolfo Romero Galdámez. Papa Francesco ha infatti approvato la promulgazione dei relativi decreti da parte della Congregazione delle cause dei Santi.

Paolo VI, Giovanni Battista Montini nacque a Concesio, in provincia di Brescia, il 26 settembre 1897. Uomo di grande cultura – aveva tre lauree, in filosofia, diritto canonico e diritto civile – e sensibilità, venne eletto Papa il 21 giugno 1963. E’ stato un grande riformatore, il papa che ha portato a compimento di Concilio Vaticano II, del quale guidò personalmente i lavori, con l’approvazione dei suoi principali documenti.

Anche solo per grandi linee, va ricordato che a lui si debbono gesti di particolare significato, come la destinazione della tiara papale ai poveri, l’incontro, nel 1964, con il patriarca ortodosso Atenagora e la successiva dichiarazione cattolico-ortodossa del 1965, dopo oltre nove secoli di reciproche scomuniche. L’incontro avvenne a Gerusalemme, dove Paolo VI giunse in aereo e fu il primo papa a recarvisi e prendendo l’aereo. Ancora, alla chiusura del Concilio annunciò la creazione del Sinodo dei vescovi, del quale stabilì le competenze, nel 1966 abolì l’“Indice dei libri proibiti” e l’anno dopo decise l’istituzione della Giornata mondiale della pace. E’ stato il primo papa a celebrare una messa in un impianto industriale la notte di Natale (all’Italsider nel 1968).

Nel 1966 confermò in una enciclica il celibato sacerdotale e l’anno dopo pubblicò la Humanae Vitae. Quell’anno abolì tutte le funzioni attribuite alla nobiltà nella corte papale, esclusi gli assistenti al Soglio, abolite anche la Guardia nobile e la Guardia palatina. Istituì, invece, la Commissione per le comunicazioni sociali, il Consiglio per i laici, la Commissione Giustizia e pace, la Commissione teologica internazionale e Cor Unum. Nel 1968 riformò la Curia romana, nella quale introdusse non poche personalità non italiane. Nel 1969 approvò la riforma della messa, da allora detta “in volgare”, ossia nelle lingue moderne, per facilitarne la comprensione da parte dei fedeli.

Nel 1970, a Manila, è stato il primo papa vittima di un attentato, ferito non gravemente con un pugnale.

Fu lui, infine, a volere il “pastorale” di metallo con il Cristo crocifisso usato sempre da Giovanni Paolo II e spesso dai suoi successori.

Morì a Castel Gandolfo il 6 agosto 1978.

Mons. Romero è il martire del Salvador. Nato nel 1917. Divenuto sacerdote nel 1942, nel 1970 fu nominato vescovo ausiliare di San Salvador. In tale ruolo è stato uno dei protagonisti della Conferenza dell’episcopato latinoamericano di Medellin (1968), ritenuta momento fondamentale nella storia della Chiesa del sub-continente.

Nel 1977 divenne arcivescovo di San Salvador. In un periodo segnato dalla sanguinosa repressione dei movimenti popolari, fu il vescovo dei poveri. Esercito, polizia e movimenti paramilitari si accanivano anche contro sacerdoti e fedeli definiti  “comunisti”. Ad Aguilares fu distrutta la chiesa e uccisi 200 fedeli.

Contro tutto questo si schierò il vescovo, le sui catechesi trasmesse dalla radio diocesana aveva vasto ascolto.

Il 23 marzo 1980 chiese ai militari di non obbedire agli ordini contrari alla legge di Dio. Il giorno dopo fu ucciso “in odio alla fede” da un sicario mentre stava celebrando la messa nella cappella dell'ospedale della Divina Provvidenza, dove abitava.

Il 24 marzo è stato proclamato dalle Nazioni Unite Giornata internazionale per il diritto alla verità sulle gravi violazioni dei diritti umani e per la dignità delle vittime. (FP)