聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 14 03 2018 alle 18,17

Santa Marta, 16/02/2018

0

Il digiuno è vero se si preoccupa di aiutare gli altri

Il digiuno è “un po’ spogliarsi”; angariare gli operai magari ringraziando il Signore di poter digiunare: “poveretti”, devono digiunare perché non hanno da mangiare “e tu li disprezzi anche”. Fare penitenza in pace: “non puoi da una parte parlare con Dio e dall’altra parlare con il diavolo” perché è incorrente.


– Il “vero digiuno”, uno dei “compiti” della Quaresima è rivolto ad aiutare gli altri. L’ha detto papa Francesco nella messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando la Prima lettura, tratta dal Libro del profeta Isaia (Is 58,1-9a), nella quale si descrive quale sia il digiuno che vuole il Signore: “Sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo”.

“Se non puoi fare un digiuno totale – ha aggiunto - quello che fa sentire la fame fino alle ossa”, “fa un digiuno umile, ma vero”. E’ Isaia a mettere in evidenza tante incoerenze nella pratica della virtù: curare i propri affari, i soldi, mentre il digiuno è “un po’ spogliarsi”; angariare gli operai magari ringraziando il Signore di poter digiunare: “poveretti”, devono digiunare perché non hanno da mangiare “e tu li disprezzi anche”. Fare penitenza in pace: “non puoi da una parte parlare con Dio e dall’altra parlare con il diavolo” perché è incorrente.

“Non digiunate più come fate oggi, così da fare udire in alto vostro chiasso, cioè noi digiuniamo, noi siamo cattolici, pratichiamo; io appartengo a quella associazione, noi digiuniamo sempre, facciamo penitenza. Ma digiunate con coerenza o fate la penitenza incoerentemente come dice il Signore, con rumore, perché tutti la vedano, e dicano: ‘Ma che persona giusta, che uomo giusto, che donna giusta …’. Questo è un trucco; è truccare la virtù”.

Bisogna, ha sottolineato Francesco, truccarsi ma sul serio, col sorriso, cioè per non far vedere che si sta facendo penitenza. Digiuna "per aiutare gli altri, ma sempre con il sorriso”. Il digiuno consiste anche nell’umiliarsi e questo si realizza pensando ai propri peccati e chiedendo perdono al Signore. “Ma se questo peccato che io ho fatto venisse a sapersi, venisse sui giornali, che vergogna!” .  “Ecco, vergognati!”. “Io penso – ha detto ancora il Papa - a tante domestiche che guadagnano il pane con il loro lavoro: umiliate, disprezzate … Mai ho potuto dimenticare una volta che andai a casa di un amico da bambino. Ho visto la mamma dare uno schiaffo alla domestica. 81 anni … Non ho dimenticato quello. ‘No, Padre, io non do mai uno schiaffo’ – ‘Ma come li tratti? Come persone o come schiavi? Le paghi il giusto, le dai le vacanze, è una persona o è un animale che ti aiuta casa tua?’. Soltanto pensate questo. Nelle nostre case, nelle nostre istituzioni, ce ne sono. Come mi comporto io con la domestica che ho in casa, con le domestiche che sono in casa?”.

In un’altra occasione, parlando con un signore molto colto che sfruttava le domestiche, il Papa gli ha fatto capire che si trattava di un peccato grave perché sono “come noi, immagine di Dio” mentre lui sosteneva che era “gente inferiore”. Il digiuno che il Signore vuole, come ricorda la Prima lettura, consiste anche nel “dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti”. “Oggi – ha notato Francesco - si discute se diamo il tetto o no a quelli che vengono a chiederlo”.

In conclusione, il Papa esorta a “fare penitenza”, a “sentire un po’ la fame”, a “pregare di più” durante la Quaresima e a chiedersi come ci si comporta con gli altri: “Il mio digiuno arriva per aiutare gli altri? Se non arriva, è finto, è incoerente e ti porta sulla strada di una doppia vita. Faccio finta di essere cristiano, giusto … come i farisei, come i sadducei. Ma, da dentro, non lo sono. Chiede umilmente la grazia della coerenza. La coerenza. Se io non posso fare uno cosa, non la faccio. Ma non farla incoerentemente. Fare soltanto quello che io posso fare, ma con coerenza cristiana. Che il Signore ci dia questa grazia”.