聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 26 01 2018 alle 23,13

Santa Marta, 26/01/2018

Predicazione ‘come uno schiaffo’ e testimonianza per trasmettere la fede

La fede si trasmette in un grembo materno, il grembo della Chiesa, perché la Chiesa è madre, la Chiesa è femminile”. In Albania c’era una suora che durante la dittatura era in carcere, ma ogni tanto le guardie la facevano uscire un po’ e lei andava lungo il fiume, tanto, pensavano, che mai potrà fare questa poveraccia. E invece, le donne, sapendo quando usciva, le portavano i loro bambini  e lei li battezzava di nascosto con l’acqua del fiume.

 


Papa Francesco La trasmissione della fede si fa con la predicazione – che colpisce come uno schiaffo – con la testimonianza e “in un grembo materno, il grembo della Chiesa, perché la Chiesa è madre, la Chiesa è femminile”. La trasmissione della fede è stato il tema del quale papa Francesco ha parlato nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dalla seconda Lettera di san Paolo apostolo a Timòteo.

Il Papa ha evidenziato in particolare tre parole che nella Lettera indicano come la fede va trasmessa. Sono “figlio”, come Paolo chiama Timoteo, “madre” e “nonna” e infine “testimonianza”. Paolo è padre perché ha generato Timoteo con la “follia della predicazione e questa è la sua paternità”. E nella Lettura si parla anche di lacrime, perché Paolo non addolcisce il suo annuncio con mezze verità. Lo fa con coraggio. E' questo che fa Paolo padre di Timoteo. La predicazione, ha affermato il Papa, “non può essere tiepida”. “La predicazione sempre - permettetemi la parola - ‘schiaffa’, è uno schiaffo, uno schiaffo che ti commuove e ti porta avanti. E Paolo stesso dice: ‘La pazzia della predicazione’. E’ una pazzia, perché dire che Dio si è fatto uomo e poi è stato crocifisso e poi è risorto… Cosa hanno detto a Paolo gli abitanti di Atene? ‘Ma, dopodomani ti sentiremo’. (...). Sempre nella predicazione della fede c'è un 'briciolo di follia'. E la tentazione è il falso buon senso, quella mediocrità: ‘Ma, no, non scherziamo, non è per tanto…’, la fede tiepida”.

La seconda parola è testimonianza. La fede va trasmessa con la testimonianza, che dà forza alla parola. “Oggi, in qualche parrocchia (...) uno va, sente, cosa dice questo di quello, di quello, di  quello… Invece di dire come si amano, viene voglia di dire: ‘Come si spellano! Come si spella… la lingua è un coltello per spellare l’altro!  E come tu puoi trasmettere la fede con un’aria così viziata di chiacchiere, di calunnie? No. Testimonianza. ‘Guarda, questo mai sparla dell’altro; questo fa quell’opera di carità; questo quando c’è qualche malato va a visitarlo, perché  fa così?’. La curiosità: perché questa persona vive così? E con la testimonianza nasce la domanda del perché lì si trasmette la fede: perché ha fede, perché segue le tracce di Gesù”.

Madre, nonna: la maternità è la terza parola. “La fede si trasmette in un grembo materno, il grembo della Chiesa – ha detto Francesco - perché la Chiesa è madre, la Chiesa è femminile. La maternità della Chiesa si prolunga nella maternità della mamma, della donna”. E ha ricordato di aver conosciuto in Albania una suora che durante la dittatura era in carcere, ma ogni tanto le guardie la facevano uscire un po’ e lei andava lungo il fiume, tanto, pensavano, che mai potrà fare questa poveraccia. E invece, continua il Papa, lei era furba e le donne, sapendo quando usciva, le portavano i loro bambini  e lei li battezzava di nascosto con l’acqua del fiume. Un bell’esempio. “Ma io mi domando: le madri, le nonne, sono come queste due delle quali parla Paolo: ‘Anche tua nonna Loide e tua madre Eunice’ che hanno trasmesso la fede, la schietta fede? Un po’… dice: ‘Ma, sì, imparerà quando andrà al catechismo’. Ma io vi dico, a me fa tristezza quando vedo i bambini che non sanno fare il segno della Croce e invece di fare bene il segno della Croce, sanno che devono fare qualcosa e fanno un disegno così… perché li manca la mamma e la nonna che insegni loro questo. Quante volte penso alle cose che si insegnano per la preparazione al matrimonio, alla novella sposa, quella che sarà mamma: le si insegna che deve trasmettere la fede?”.

“Chiediamo al Signore - ha concluso il Papa - che ci insegni come testimoni, come predicatori e anche alle donne, come madri, a trasmettere la fede”.