聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 25 01 2018 alle 14,04

Messaggio -World Economic Forum,23/01/2018

Messaggio  al Forum di Davos: anche i robot siano al servizio della persona

Francesco chiede che si cerchi di  realizzare una società giusta e inclusiva. “Anche le tecnologie più recenti stanno trasformando i modelli economici e lo stesso mondo globalizzato, i quali, condizionati da interessi privati e dalla ricerca del profitto a tutti i costi, sembrano favorire ulteriore frammentazione e individualismo, piuttosto che facilitare approcci che siano più inclusivi”.


 Papa Francesco– La persona umana e i suoi diritti siano al centro dell’economia e anche della robotica per realizzare una società giusta e inclusiva. E’ il monito che papa Francesco ha rivolto ai leader mondiali riuniti a Davos, in Svizzera, per l’annuale incontro sull’economia mondiale.

In un messaggio al presidente del World Economic Forum, Klaus Schwab, il Papa scrive che il tema scelto quest’anno, “Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato”, è molto attuale. “Confido – afferma - che aiuterà a guidare le vostre deliberazioni mentre cercate le basi migliori per costruire società inclusive, giuste e solidali, in grado di ridare dignità a coloro che vivono con grande incertezza e che non sono in grado di sognare un mondo migliore”.

“A livello di governance globale, siamo sempre più consapevoli che c'è una crescente frammentazione tra Stati e Istituzioni. Nuovi attori stanno emergendo e anche una  nuova competizione economica e accordi commerciali regionali. Anche le tecnologie più recenti stanno trasformando i modelli economici e lo stesso mondo globalizzato, i quali, condizionati da interessi privati e dalla ricerca del profitto a tutti i costi, sembrano favorire ulteriore frammentazione e individualismo, piuttosto che facilitare approcci che siano più inclusivi”. E “le ricorrenti instabilità finanziarie hanno portato nuovi problemi e gravi sfide che i governi devono affrontare, come la crescita della disoccupazione, l'aumento delle varie forme di povertà, l'allargamento del divario socio-economico e nuove forme di schiavitù, spesso radicate in situazioni di conflitto, migrazione e vari problemi sociali”. Contemporaneamente, osserva Francesco, si assiste a stili di vita “caratterizzati da un'opulenza che non è più sostenibile e spesso indifferente al mondo che ci circonda, e specialmente ai più poveri tra i poveri. Con nostro sgomento vediamo questioni tecniche ed economiche dominare il dibattito politico, a detrimento di una genuina preoccupazione per gli esseri umani”.

“In questo contesto è vitale proteggere la dignità della persona, in particolare offrendo a tutti una reale possibilità di uno sviluppo umano integrale e incrementando le politiche economiche a favore della famiglia”.

“Solo attraverso una ferma determinazione condivisa da tutti gli attori economici possiamo sperare di dare una nuova direzione al destino del nostro mondo. Così anche l'intelligenza artificiale, la robotica e le altre innovazioni tecnologiche devono essere impiegate in modo tale da contribuire al servizio dell'umanità e alla protezione della nostra casa comune, piuttosto che per il contrario, come alcune valutazioni purtroppo prevedono”.

Il Papa afferma quindi che non si può rimanere in silenzio di fronte alla sofferenza di milioni di persone “la dignità delle quali è ferita” e che è “un imperativo morale, una responsabilità che coinvolge tutti, creare le giuste condizioni perché ogni persona viva in modo dignitoso”. In tale ambito, il mondo imprenditoriale ha un’enorme potenziale per realizzare cambiamenti sostanziali, rifiutando una "cultura usa e getta" e una mentalità dell’indifferenza e invece puntando ad aumentare “la qualità della produrre, a creare nuovi posti di lavoro, a rispettare le leggi che lo regolano, a combattere la corruzione pubblica e privata e a promuovere la giustizia sociale con una giusta ed equa ripartizione dei profitti”.

C'è una grave responsabilità a esercitare un saggio discernimento, poiché le decisioni prese oggi saranno decisive per plasmare il mondo di domani e quello delle generazioni future. Quindi, se vogliamo un futuro più sicuro, che incoraggi la prosperità di tutti, allora è necessario mantenere la bussola continuamente orientata verso il "vero Nord", rappresentato dai valori autentici. Ora è il momento di compiere passi coraggiosi e audaci per il nostro amato pianeta. Questo è il momento giusto per mettere in atto la nostra responsabilità di contribuire allo sviluppo dell'umanità”.