聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 18 01 2018 alle 23,25

Discorso Università Cile,18/01/2018

Ai giovani, siate sempre “connessi” con Gesù

Per un giovane di oggi, ha osservato Francesco, è importante essere sempre connesso a Internet, per non sentirsi fuori dal mondo, disorientati, di cattivo umore. Con la fede è lo stesso, “quando rimaniamo senza questa ‘connessione’ che dà vita ai nostri sogni, il cuore inizia a perdere forza”. L’Università cattolica proponga alla “società liquida” di oggi un umanesimo rinnovato che eviti di cadere in ogni tipo di riduzionismo.

 


Papa Francesco– Essere “connessi” con Gesù, comportarsi “come farebbe lui” nelle diverse situazioni della vita. E’ l’invito che papa Francesco ha rivolto ai giovani cileni, 40mila dei quali si sono incontrati con lui nel santuario di Maipù, a Santiago (nella foto).

Un incontro pieno di entusiasmo - giocato dal Papa sulla similitudine tra la “connessione” dei telefonini, “essenziale” per i giovani di oggi, e quella con Gesù – al quale ha fatto seguito la visita alla Pontificia Università cattolica, invitata a “generare processi che illuminino la cultura attuale proponendo un umanesimo rinnovato che eviti di cadere in ogni tipo di riduzionismo”.

“Dio – ha detto ai giovani - pone nel vostro cuore sogni di libertà, sogni di gioia, sogni di un futuro migliore”, il desiderio di “essere i protagonisti del cambiamento”. “E tenendo conto di tutta la realtà dei giovani, ho voluto realizzare quest’anno il Sinodo e, prima del Sinodo, l’Incontro dei giovani perché si sentano e siano protagonisti nel cuore della Chiesa; per aiutarci a far sì che la Chiesa abbia un volto giovane, non certo perché si fa un trattamento con creme rigeneranti, ma perché dal profondo del cuore si lascia interpellare, si lascia interrogare dai suoi figli per poter essere ogni giorno più fedele al Vangelo. Quanto ha bisogno la Chiesa cilena di voi, per ‘scuoterci’ e aiutarci ad essere più vicini a Gesù”.

Per un giovane di oggi, ha osservato poi, è importante essere sempre connesso a Internet, avere la batteria del suo cellulare sempre carica, per non sentirsi fuori dal mondo, disorientati, di cattivo umore. Con la fede è lo stesso, “quando rimaniamo senza questa ‘connessione’ che dà vita ai nostri sogni, il cuore inizia a perdere forza”.

Ai giovani del Cile Francesco ha indicato come modello sant’Alberto Hurtado, sacerdote gesuita, che aveva una regola semplice e che il Papa ha proposto ai ragazzi perchè la 'memorizzino' come si fa con le password. “La password di Hurtado era molto semplice – se volete mi piacerebbe che la appuntaste sui vostri cellulari. Lui si domandava: «Cosa farebbe Cristo al mio posto?». A scuola, all’università, per strada, a casa, cogli amici, al lavoro; davanti a quelli che fanno i bulli: ‘Cosa farebbe Cristo al mio posto?’. Quando andate a ballare, quando fate sport o andate allo stadio: ‘Cosa farebbe Cristo al mio posto?’. È la password, la carica per accendere il nostro cuore, accendere la fede e la scintilla nei nostri occhi. Questo è essere protagonisti della storia”.

Durante l’incontro, è stato presentato a Francesco il Simbolo dei giovani per il Sinodo. Poi i giovani hanno portato la Croce del Cile e dato al Papa un nastro, segno del sangue versato di Cristo, che Francesco ha posto sulla croce.

Ultimo appuntamento della giornata è stata la visita alla Pontificia Università Cattolica, fondata il 21 giugno 1888. Dinanzi a centinaia di studenti ed esponenti del mondo accademico cileno, il Papa ha affermato che le università debbono essere laboratori di dialogo e di incontro, capaci di superare ogni forma di frammentazione in quella “società liquida”, come definita dal sociologo Zygmunt Bauman, che preoccupa Francesco, perché “vanno scomparendo i punti di riferimento”.

“Oggi – ha sottolineato - la missione che vi è affidata risulta profetica. Siete chiamati a generare processi che illuminino la cultura attuale proponendo un umanesimo rinnovato che eviti di cadere in ogni tipo di riduzionismo. E questa profezia che ci viene chiesta ci spinge a cercare spazi sempre nuovi di dialogo più che di scontro; spazi di incontro più che di divisione; strade di amichevole discrepanza, perché ci si differenzia con rispetto tra persone che camminano cercando lealmente di progredire in comunità verso una rinnovata convivenza nazionale”.

Il Papa ha detto, poi, che la missione delle università è di essere al “servizio della convivenza nazionale”, “laboratori” per il futuro di un Paese, “superando ogni logica antagonistica ed elitaria del sapere”. L’invito è quello di “cercare spazi sempre nuovi di dialogo più che di scontro; spazi di incontro più che di divisione; strade di amichevole discrepanza”. E in questo processo dinamico e virtuoso, “l’intuizione popolare” non dovrebbe essere silenziata, soprattutto pensando alla ricchezza culturale delle comunità aborigene.

Francesco ha infine espresso soddisfazione per lo “sforzo evangelizzatore” e la “gioiosa vitalità” della pastorale universitaria dell’ateneo, “segno di una Chiesa giovane, viva e ‘in uscita’”.