聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 14 01 2018 alle 22,17

Santa Marta, 12/01/2018

0

La preghiera nasce dalla fede ed è ‘coraggio’

Ci vuole coraggio per “arrivare al Signore” e coraggio per “sfidare il Signore” come il lebbroso che disse a Gesù: “Se tu vuoi puoi guarirmi”. “Il Signore ci ha detto: ‘Chiedete e vi sarà dato’. Prendiamo anche questa Parola e abbiamo fiducia, ma sempre con fede e mettendoci in gioco. Questo è il coraggio che ha la preghiera cristiana. Se una preghiera non è coraggiosa non è cristiana”.

 

 


Papa Francesco– La preghiera cristiana è “coraggio”: nasce dalla fede e vuole coraggio per “arrivare al Signore” e coraggio per “sfidare il Signore”. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, a proposito del Vangelo di Marco che ieri e oggi racconta di due guarigioni: quella del lebbroso e del paralitico.

Entrambi, ha evidenziato Francesco, pregano per ottenere, entrambi lo fanno con fede: il lebbroso sfida anche Gesù con coraggio, dicendo:  “Se vuoi puoi purificarmi!”. E la risposta del Signore è immediata: "Lo voglio". Tutto è dunque , come insegna il Vangelo, "possibile a chi crede". “Sempre, quando ci avviciniamo al Signore per chiedere qualcosa, si deve partire dalla fede e farlo nella fede: ‘Io ho fede che tu puoi guarirmi, io credo che tu puoi fare questo’ e avere il coraggio di sfidarlo, come questo lebbroso di ieri, quest’uomo di oggi, questo paralitico di oggi. La preghiera nella fede”.

Il Papa ha quindi detto che il Vangelo porta a interrogarci sul nostro modo di pregare. Non va fatto, ha affermato Francesco, come "pappagalli" e senza" interesse" in quello che chiediamo, semmai supplichiamo il Signore di "aiutare la nostra poca fede" anche davanti alle difficoltà. Sono tanti infatti gli episodi del Vangelo in cui avvicinarsi al Signore è difficile per chi è nel bisogno e questo serve da esempio a ciascuno di noi.  Il paralitico, nell'odierno Vangelo di Marco viene addirittura calato dal tetto perchè la sua barella raggiunga il Signore che sta predicando tra l'immensa folla. "La volontà fa trovare una soluzione", fa "andare oltre le difficoltà".

“Coraggio per lottare per arrivare al Signore. Coraggio per avere fede, all’inizio: ‘Se tu vuoi puoi guarirmi. Se tu vuoi, io credo’. E coraggio per avvicinarmi al Signore, quando ci sono delle difficoltà. Quel coraggio… Tante volte, ci vuole pazienza e saper aspettare i tempi ma non mollare, andare sempre avanti. Ma se io con fede mi avvicino al Signore e dico: ‘Ma se tu vuoi, puoi darmi questa grazia’, e poi ma… siccome la grazia dopo tre giorni non è arrivata, un’altra cosa… e mi dimentico”. Invece, ha indicato Francesco, santa Monica, madre di Agostino, ha pregato e "ha pianto tanto", per la conversione di suo figlio, ed è riuscita ad ottenerla: è tra i tanti santi che hanno avuto grande coraggio nella loro fede. Coraggio "per sfidare il Signore", coraggio per "mettersi in gioco", anche se non si ottiene subito ciò che si chiede, perchè nella "preghiera si gioca forte" e "se la preghiera non è coraggiosa non è cristiana".

“La preghiera cristiana – la conclusione del Papa - nasce dalla fede in Gesù e va sempre con la fede oltre le difficoltà. Una frase per portarla oggi nel nostro cuore ci aiuterà, dal nostro padre Abramo, al quale è stata promessa l’eredità, cioè di avere un figlio a 100 anni. Dice l’apostolo Paolo: ‘Credette’ e con questo fu giustificato. La fede e ‘si mise in cammino’: fede e fare di tutto per arrivare a quella grazia che sto chiedendo. Il Signore ci ha detto: ‘Chiedete e vi sarà dato’. Prendiamo anche questa Parola e abbiamo fiducia, ma sempre con fede e mettendoci in gioco. Questo è il coraggio che ha la preghiera cristiana. Se una preghiera non è coraggiosa non è cristiana”.