聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 12 2017 alle 19,23

ANGELUS,10/12/2017

0

Avvento, colmare i vuoti di omissione, spianare le asperità dell’orgoglio. Appello per il disarmo nucleare e il clima

All’Angelus papa Francesco invita a una maggiore preghiera e una maggiore carità. Il Premio Nobel per la pace a alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari. Il “forte legame” tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Contrastare i cambiamenti climatici e lottare per uno sviluppo umano integrale. Solidarietà alle famiglie delle vittime del ciclone Okhi in India e agli alluvionati dell’Albania.


Papa Francesco– Riconoscere i vuoti da colmare nella nostra vita, le omissioni, e “spianare le asperità dell’orgoglio per “fare spazio a Gesù che viene”: per papa Francesco è questo il senso dell’Avvento e l’invito che viene dalle letture della messa di oggi (seconda di Avvento). Dopo aver recitato l’Angelus con i fedeli in una piazza san Pietro, addobbata con l'albero e il presepe, il pontefice ha ricordato due appuntamenti mondiali: il Premio Nobel per la Pace alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari, che viene conferito oggi, e il vertice “Our Planet Summit” a Parigi fra due giorni, in occasione del secondo anniversario dell’adozione dell’Accordo di Parigi sul clima.

Spiegando le parole del profeta Isaia (40, 1-5.9-11), Francesco ha sottolineato: “Le valli da innalzare rappresentano tutti i vuoti del nostro comportamento davanti a Dio, tutti i nostri peccati di omissione. Un vuoto nella nostra vita può essere il fatto che non preghiamo o preghiamo poco. L’Avvento è allora il momento favorevole per pregare con più intensità, per riservare alla vita spirituale il posto importante che le spetta. Un altro vuoto potrebbe essere la mancanza di carità verso il prossimo, soprattutto verso le persone più bisognose di aiuto non solo materiale, ma anche spirituale”.

“I monti e i colli che devono essere abbassati sono l’orgoglio, la superbia, la prepotenza. Dobbiamo assumere atteggiamenti di mitezza e di umiltà, per preparare la venuta del nostro Salvatore, che è mite e umile di cuore (cfr Mt 11,29) …. Queste azioni però vanno compiute con gioia, perché sono finalizzate alla preparazione dell’arrivo di Gesù. Quando attendiamo a casa la visita di una persona cara, predisponiamo tutto con cura e felicità. Allo stesso modo vogliamo predisporci per la venuta del Signore: attenderlo ogni giorno con sollecitudine, per essere colmati della sua grazia quando verrà”.

“Nel Vangelo – ha concluso -  Giovanni Battista attua la figura, annunciata da Isaia, della “voce che grida nel deserto”. Quel deserto ci offre anzitutto l’indicazione del luogo in cui visse e predicò il Battista; ma esso richiama anche il clima di conversione e di penitenza che permette di prepararci all’incontro con il Signore. Giovanni dichiara: «Io vi ho battezzati con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo» (Mc 1,8). Il Salvatore che aspettiamo è capace di trasformare la nostra vita con la forza dello Spirito Santo, con la forza dell’amore. Lo Spirito Santo, infatti, effonde nei nostri cuori l’amore di Dio, fonte inesauribile di purificazione, di vita nuova e di libertà. La Vergine Maria ha vissuto in pienezza questa realtà, lasciandosi ‘battezzare’ dallo Spirito Santo che l’ha inondata della sua potenza. Ella, che ha preparato la venuta del Cristo con la totalità della sua esistenza, ci aiuti a seguire il suo esempio e guidi i nostri passi incontro al Signore che viene”.

Dopo la preghiera mariana, il papa ha ricordato che oggi viene conferito il Premio Nobel per la pace a alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari. “Tale riconoscimento – ha spiegato - avviene in coincidenza con la Giornata delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, e questo sottolinea il forte legame tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Infatti, impegnarsi per la tutela della dignità di tutte le persone, in modo particolare di quelle più deboli e svantaggiate, significa anche lavorare con determinazione per costruire un mondo senza armi nucleari. Dio ci dona la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune: abbiamo la libertà, l’intelligenza e la capacità di guidare la tecnologia, di limitare il nostro potere, al servizio della pace e del vero progresso (cfr Lett. enc. Laudato si’, 78, 112, 202).

Ricordando poi l’appuntamento di Parigi, che vuole “consolidare una strategia condivisa per contrastare il preoccupante fenomeno del cambiamento climatico”, il papa auspica che questo vertice favorisca “una chiara presa di coscienza sulla necessità di adottare decisioni realmente efficaci per contrastare i cambiamenti climatici e, nello stesso tempo, combattere la povertà e promuovere lo sviluppo umano integrale”. A questo proposito, egli ha offerto la sua vicinanza alle famiglie delle vittime del ciclone Okhi, che si è abbattuto sulle coste indiane del Tamil Nadu, del Kerala e del Gujarat, e “alla popolazione dell’Albania, duramente provata da gravi inondazioni”.