聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 09 12 2017 alle 22,10

DISCORSO,09/12/2017

 Il carisma di Francesca Cabrini è di un’attualità straordinaria

Udienza alle missionarie del Sacro Cuore di Gesù, in occasione del centenario della morte della loro fondatrice, apostola dei migranti. I migranti hanno bisogno di buone leggi, programmi di sviluppo, ma “anche e prima di tutto di amore, di amicizia, di vicinanza umana”. A lei che voleva andare in Cina, papa Leone XIII le indicò: ‘Non ad oriente, Cabrini, ma all’occidente!’. La devozione al Sacro Cuore “la rese capace di guardare al cuore di quanti avvicinava e assisteva”.
 

 


Papa Francesco– Il carisma di Francesca Saverio Cabrini, la santa che ha dedicato la sua vita ai migranti, “è di un’attualità straordinaria”. Lo ha detto papa Francesco oggi incontrando in udienza le missionarie del Sacro Cuore di Gesù, fondate appunto dalla santa, in occasione della conclusione del centenario della sua morte.

Tornando su uno fra i suoi temi più cari, il pontefice ha continuato: “I migranti hanno bisogno certamente di buone leggi, di programmi di sviluppo, di organizzazione, ma hanno sempre bisogno anche e prima di tutto di amore, di amicizia, di vicinanza umana; hanno bisogno di essere ascoltati, guardati negli occhi, accompagnati; hanno bisogno di Dio, incontrato nell’amore gratuito di una donna che, col cuore consacrato, ti è sorella e madre”.

Il papa ha tratteggiato alcuni aspetti della vocazione di Madre Cabrini, una donna che per la cura dei migranti “aveva attraversato per ben ventiquattro volte l’oceano per assistere i migranti nelle Americhe, e che, instancabile, si era spinta fino alle Ande e anche in Argentina”, morendo poi a Chicago il 17 dicembre 1917.

“Santa Cabrini – ha continuato - è stata una vera missionaria. Era cresciuta tenendo davanti a sé l’esempio di San Francesco Saverio, il pioniere dell’evangelizzazione in Oriente. Nel suo cuore aveva la Cina e in quella terra lontana sperava di portare l’annuncio del Vangelo. Non pensava alle migliaia e migliaia di emigranti che a causa della fame, della mancanza di lavoro e dell’assenza di un futuro si imbarcavano con le loro poche cose per raggiungere l’America, spinti dal sogno di una vita migliore. Come sappiamo, fu la lungimiranza di Papa Leone XIII che, con una battuta, le fece cambiare rotta: ‘Non ad oriente, Cabrini, ma all’occidente!’. La giovane Madre, che aveva da poco fondato le Missionarie del Sacro Cuore, doveva aprire i suoi occhi per vedere dove Dio la inviava in missione. Non dove lei voleva andare, ma dove Lui aveva preparato per lei la strada, la strada del servizio e della santità. Ecco l’esempio di una vera vocazione: dimenticare sé stessi per abbandonarsi pienamente all’amore di Dio”.

Rivolgendosi alle suore missionarie, ha aggiunto: “Il Signore rinnovi sempre in voi lo sguardo attento e misericordioso verso i poveri che vivono nelle nostre città e nei nostri paesi. Madre Cabrini aveva il coraggio di guardare negli occhi i bambini orfani che le venivano affidati, i giovani senza lavoro che erano tentati di delinquere, gli uomini e le donne sfruttati per i lavori più umili; e perciò oggi siamo qui a ringraziare Dio per la sua santità. In ognuno di quei fratelli e sorelle, lei riconosceva il volto di Cristo e, geniale com’era, fu capace di mettere a frutto i talenti che il Signore le aveva affidato (cfr Mt 25,14-23). Aveva uno spiccato senso dell’azione apostolica; e se aveva avuto una così grande energia per compiere in pochi anni un lavoro straordinario, fu solo per la sua unione con Cristo, sul modello di san Paolo, da cui prese il suo motto: «Tutto posso in Colui che mi dà la forza» (Fil 4,13). Una vita vertiginosa carica di lavoro, viaggi a non finire a piedi, in treno, in nave, in barca, a cavallo...; creando dal nulla sessantasette opere tra asili, scuole, collegi, ospedali, orfanotrofi, laboratori... tutto per propagare la forza del Vangelo, che le aveva dilatato il cuore perché appartenesse a tutti”.

“Santa Cabrini – ha concluso - visse della spiritualità del Sacro Cuore di Gesù. Passo dopo passo, la sua fu un’esistenza interamente protesa a consolare e a far conoscere e amare il Sacro Cuore. E questo la rese capace di guardare al cuore di quanti avvicinava e assisteva per corrispondervi in maniera coerente. Questo importante anniversario ricorda a tutti noi, con forza, la necessità di una fede che sa cogliere il momento di grazia che si vive. Per quanto difficile possa sembrare, ci dice che dobbiamo fare come lei: essere capaci di cogliere i segni del nostro tempo, leggerli alla luce della Parola di Dio e viverli in modo tale da dare una risposta che raggiunga il cuore di ogni persona”.