聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 11 2017 alle 13,26

Santa Marta, 07/11/2017

0

Chi perde la capacità di sentirsi amato da Dio, perde tutto.

L’iniziativa di Dio è gratis, la salvezza è gratuita, il Signore “non chiede nulla in contraccambio”: “soltanto amore, fedeltà, come Lui è amore e Lui è fedele”. “La salvezza non si compra”.

 


Papa Francesco– L’iniziativa di Dio è gratis, la salvezza è gratuita, non va quindi persa la capacità di sentirsi amati: quella di amare la si recupera ma se si perde quella di sentirsi amato, si perde tutto. L’ha detto papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta commentando il brano del Vangelo di Luca (14,15-24) nel quale Gesù narra una parabola per consigliare chi deve invitare qualcuno a casa a invitare chi non può contraccambiare.

Un uomo– racconta la parabola - diede una grande cena e invitò molta gente. I primi invitati non vollero andare perché non gli interessava né della cena, né della gente, né dell’invito del Signore: erano presi dai propri interessi, più grandi dell’invito. Chi aveva comprato cinque paia di buoi, chi un campo, chi perché si era sposato. In sostanza – ha sottolineato il Papa - si chiedevano cosa potessero guadagnarne. Erano “indaffarati” come quell’uomo che fece dei magazzini per accumulare i suoi beni ma morì quella notte. Erano attaccati all’interesse a tal punto che questo li porta a una “schiavitù dello Spirito”, cioè ad essere “incapaci di capire la gratuità dell’invito”.

“E se non si capisce la gratuità dell’invito di Dio – ha ammonito Francesco - non si capisce nulla. L’iniziativa di Dio è sempre gratuita. Ma per andare a questo banchetto cosa si deve pagare? Ma, il biglietto di entrata è essere ammalato, è essere povero, è essere peccatore… Questi (così) ti lasciano entrare, questo è il biglietto di entrata: essere bisognoso sia nel corpo sia nell’anima. Ma, per il bisogno di cura, di guarigione, avere bisogno di amore…”.

Ci sono, dunque, due atteggiamenti: da una parte quello di Dio che non fa pagare nulla e dice, poi, al servo di condurre poveri, storpi, buoni e cattivi: si tratta di una gratuità che “non ha limiti”, Dio “riceve tutti”. Dall’altra, il modo di fare dei primi invitati che invece non capiscono la gratuità. Come il fratello maggiore del Figliol prodigo, che non vuole andare al banchetto organizzato dal padre per suo fratello che se ne era andato: non capisce. “’Ma questo ha speso tutti i soldi, ha speso l’eredità, con i vizi, con i peccati, tu gli fai festa? E io che sono un cattolico, pratico, vado a Messa tutte le domeniche, compio le cose, a me niente?’. Questo non capisce la gratuità della salvezza, pensa che la salvezza è il frutto del ‘io pago e tu mi salvi’. Pago con questo, con questo, con questo… No, la salvezza è gratuita! E se tu non entri in questa”. dinamica della gratuità non capisci nulla. La salvezza è un dono di Dio al quale si risponde con un altro dono, il dono del mio cuore”.

Coloro che pensano ai propri interessi, ha detto ancora il Papa, quando sentono parlare di doni, sanno che si devono fare ma subito pensano al “contraccambio”: “farò questo dono”, e lui poi “in un’altra occasione, me ne farà un altro”. Il Signore, invece, “non chiede nulla in contraccambio”: “soltanto amore, fedeltà, come Lui è amore e Lui è fedele”. “La salvezza non si compra, semplicemente si entra nel banchetto”. “Beato chi prenderà cibo nel Regno di Dio”: questa è salvezza.

Quelli che, però, non sono disposti ad entrare nel banchetto, “si sentono sicuri”, “salvi a loro modo fuori dal banchetto”: “hanno perso il senso della gratuità, il senso dell’amore”. “Hanno perso una cosa più grande e più bella ancora e questo è molto brutto: hanno perso la capacità di sentirsi amati”. “E quando tu perdi - non dico la capacità di amare, perché quella si recupera - la capacità di sentirti amato non c’è speranza, hai perso tutto. Ci fa pensare allo scritto nella porta dell’Inferno dantesco: ‘Lasciate la speranza’, hai perso tutto. Dobbiamo pensare davanti a questo Signore: ‘Perché io vi dico, io voglio che la mia casa si riempia’. Questo Signore che è tanto grande, che è tanto amoroso, che nella sua gratuità vuole riempire la casa. Chiediamo al Signore ci salvi dal perdere la  capacità di sentirsi amati”.

 

II

 Se si perde la capacità di sentirsi amati, si perde tutto

 Non perdere la capacità di sentirsi amati: quella di amare la si recupera ma se si perde quella di sentirsi amato, si perde tutto. E’ l’invito di Papa Francesco stamani alla Messa a Casa Santa Marta.

Il Papa riflette sul brano del Vangelo di Luca (Lc 14,15-24) della Liturgia odierna nel quale Gesù narra una parabola, senza spiegazioni, per rispondere ad uno dei commensali che gli dice: “Beato chi prenderà il cibo nel Regno di Dio!”. Il Signore consiglia a chi deve invitare qualcuno a casa, di invitare chi non può contraccambiare.

Ascolta il servizio con la voce del Papa:

Un uomo diede una grande cena – racconta appunto la parabola - e invitò molta gente. I primi invitati non vollero andare perché non gli interessava né della cena, né della gente, né dell’invito del Signore: erano presi dai propri interessi, più grandi dell’invito. Chi aveva comprato cinque paia di buoi, chi un campo, chi perché si era sposato. In sostanza - rileva il Papa - si chiedevano cosa potessero guadagnarne. Erano “indaffarati” come quell’uomo che fece dei magazzini per accumulare i suoi beni ma morì quella notte.

Erano attaccati all’interesse a tal punto che questo li porta a una “schiavitù dello Spirito”, cioè ad essere “incapaci di capire la gratuità dell’invito”. Un atteggiamento dal quale il Papa mette in guardia:

“E se non si capisce la gratuità dell’invito di Dio non si capisce nulla. L’iniziativa di Dio è sempre gratuita. Ma per andare a questo banchetto cosa si deve pagare? Ma,il biglietto di entrata è essere ammalato, è essere povero, è essere peccatore… Questi (così) ti lasciano entrare, questo è il biglietto di entrata: essere bisognoso sia nel corpo sia nell’anima. Ma, per il bisogno di cura, di guarigione, avere bisogno di amore…”.

Ci sono, dunque, due atteggiamenti: da una parte quello di Dio che non fa pagare nulla e dice, poi, al servo di condurre poveri, storpi, buoni e cattivi: si tratta di una gratuità che “non ha limiti”, Dio “riceve tutti”, sottolinea il Papa. Dall’altra, il modo di fare dei primi invitati che invece non capiscono la gratuità. Come il fratello maggiore del Figliol Prodigo, che non vuole andare al banchetto organizzato dal padre per suo fratello che se ne era andato: non capisce.

“’Ma questo ha speso tutti i soldi, ha speso l’eredità, con i vizi, con i peccati, tu gli fai festa? E io che sono un cattolico, pratico, vado a Messa tutte le domeniche, compio le cose, a me niente?’. Questo non capisce la gratuità della salvezza, pensa che la salvezza è il frutto del ‘io pago e tu mi salvi’. Pago con questo, con questo, con questo… No, la salvezza è gratuita! E se tu non entri in questa dinamica della gratuità non capisci nulla. La salvezza è un dono di Dio al quale si risponde con un altro dono, il dono del mio cuore”.

Papa Francesco torna ancora su coloro che pensano ai propri interessi, che quando sentono parlare di doni, sanno che si devono fare ma subito pensano al “contraccambio”: “farò questo dono”, e lui poi “in un’altra occasione, me ne farà un altro”.

Il Signore, invece, “non chiede nulla in contraccambio”: “soltanto amore, fedeltà, come Lui è amore e Lui è fedele”, dice il Papa evidenziando che “la salvezza non si compra, semplicemente si entra nel banchetto”. “Beato chi prenderà cibo nel Regno di Dio”: questa è la salvezza.

Quelli che, però, non sono disposti ad entrare nel banchetto, “si sentono sicuri”, “salvi a loro modo fuori dal banchetto”: “hanno perso il senso della gratuità – ribadisce Francesco – “il senso dell’amore”. “Hanno perso - aggiunge - una cosa più grande e più bella ancora e questo è molto brutto: hanno perso la capacità di sentirsi amati”.

“E quando tu perdi - non dico la capacità di amare, perché quella si recupera - la capacità di sentirti amato non c’è speranza, hai perso tutto. Ci fa pensare allo scritto nella porta dell’Inferno dantesco: ‘Lasciate la speranza’, hai perso tutto. Dobbiamo pensare davanti a questo Signore: ‘Perché io vi dico, io voglio che la mia casa si riempia’. Questo Signore che è tanto grande, che è tanto amoroso, che nella sua gratuità vuole riempire la casa. Chiediamo al Signore ci salvi dal perdere la  capacità di sentirsi amati”.