聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 25 10 2017 alle 10,21

Santa Marta, 24/10/2017

Non basta essere “buoni cristiani”, cercare di entrare nel mistero di Cristo

Entrare nel mistero di Gesù Cristo è di più, è lasciarsi andare in quell’abisso di misericordia dove non ci sono parole: soltanto l’abbraccio dell’amore. L’amore che lo portò alla morte per noi.

 


Papa Francesco– Chiedersi se si è entrati al centro del mistero di Cristo, in quel “mi amò” fino alla morte che è più dell’essere buoni cristiani che pregano, vanno a messa, compiono opere buone. E’ la domanda che papa Francesco ha posto durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta commentando la Prima lettura tratta dalla Lettera ai Romani, nella quale San Paolo usa delle contrapposizioni – peccato, disobbedienza, grazia, perdono – per cercare di “portarci a capire qualcosa”.

San Paolo, ha sottolineato il Papa, sente che è “impotente" a spiegare” quello che vuole spiegare. Dietro a tutto questo, c’è la storia della salvezza.  Non essendoci, quindi, parole sufficienti per spiegare Cristo, Paolo “ci spinge”, “ci scaraventa, perché cadiamo nel mistero” di Cristo. Queste contrapposizioni, quindi, sono soltanto passi nel cammino per inabissarsi nel mistero di Cristo, che non è facile da capire: è così “sovrabbondante”, “così generoso”, e le argomentazioni portano fino ad un certo punto. Per capire “chi è Gesù Cristo per te”, “per me”, “per noi”, il Papa esorta, quindi, ad inabissarsi in questo mistero.

In un altro brano, San Paolo guardando Gesù Cristo dice: “Mi amò e diede se stesso per me”.  E nota che - anche se difficilmente - si può trovare qualcuno disposto a morire per una persona giusta, ma solo Gesù Cristo vuole dare la vita “per un peccatore come me”. Con queste parole, San Paolo cerca di farci entrare nel mistero di Cristo. Non è facile, “è una grazia”. Lo hanno capito non solo i santi canonizzati ma anche tanti santi “nascosti nella vita quotidiana”, gente umile che soltanto mette la sua speranza nel Signore: sono entrati nel mistero di Gesù Cristo crocifisso, “che è una pazzia”, dice Paolo notando però che se dovesse vantarsi di qualcosa, soltanto si potrebbe vantare “dei suoi peccati e di Gesù Cristo crocifisso”, non dello studio con Gamaliele nella sinagoga, né di altro. “Un’altra contraddizione”, questa, che ci porta al mistero di Gesù, crocifisso, “in dialogo con i miei peccati”.

Francesco ha evidenziato, quindi, che quando andiamo a messa, sappiamo che lui è nella Parola, che Gesù viene, ma questo non basta per poter entrare nel mistero. “Entrare nel mistero di Gesù Cristo è di più, è lasciarsi andare in quell’abisso di misericordia dove non ci sono parole: soltanto l’abbraccio dell’amore. L’amore che lo portò alla morte per noi. Quando noi andiamo a confessarci perché abbiamo peccati – sì, devo togliermi i peccati, diciamo; o ‘che Dio mi perdoni i peccati’ – andiamo, diciamo i peccati al confessore e siamo tranquilli e contenti. Se facciamo così, non siamo entrati nel mistero di Gesù Cristo. Se io ci vado, vado a incontrare Gesù Cristo, a entrare nel mistero di Gesù Cristo, a entrare in quell’abbraccio di perdono del quale parla Paolo; di quella gratuità del perdono”.

Alla domanda su chi è “Gesù per te”, si potrebbe rispondere “il Figlio di Dio”, si potrebbe dire tutto il Credo, tutto il Catechismo, ed è vero, ma si arriverebbe ad un punto in cui non saremmo riusciti a dire il centro del mistero di Gesù Cristo, quel “mi amò” e “diede se stesso per me”. “Capire il mistero di Gesù Cristo non è una cosa di studio”, ha sottolineato il Papa, perché “Gesù Cristo è capito soltanto per pura grazia”.

Francesco ha indicato, quindi, segnalato un esercizio di pietà che aiuta: la Via Crucis, che consiste nel camminare con Gesù nel momento in cui ci dà “l’abbraccio di perdono e di pace”. “E’ bello fare la Via Crucis. Farlo a casa, pensando ai momenti della Passione del Signore. Anche i grandi santi consigliavano sempre di incominciare la vita spirituale con questo incontro con il mistero di Gesù Crocifisso. Santa Teresa consigliava le sue monache: per arrivare alla preghiera di contemplazione, l’alta preghiera che lei aveva, incominciare con la meditazione della Passione del Signore. La Croce con Cristo. Cristo nella Croce. Incominciare e pensare. E così, cercare di capire con il cuore che ‘amò me e diede se stesso per me’, ‘diede se stesso alla morte per me’”.

Nella Prima Lettura, San Paolo vuole proprio portare all’abisso del mistero di Cristo, ha ribadito papa Francesco: “’Io sono un buon cristiano, vado a Messa la domenica, faccio opere di misericordia, recito le preghiere, educo bene i miei figli’: questo sta molto bene. Ma la domanda che io faccio: ‘Tu fai tutto questo: ma sei entrato nel mistero di Gesù Cristo?’. Quello che tu non puoi controllare … Chiediamo a San Paolo, un vero testimone, uno che ha incontrato Gesù Cristo e si è lasciato incontrare da Lui ed è entrato nel mistero di Gesù Cristo: preghiamo lui, Paolo, che ci dia la grazia di entrare nel mistero di Gesù Cristo che ci amò, diede se stesso alla morte per noi, che ci ha fatti giusti davanti a Dio, che ha perdonato tutti i peccati, anche le radici del peccato: di entrare nel mistero del Signore”.

E l’invito conclusivo del Papa è proprio a guardare il Crocifisso, “icona del più grande mistero della creazione, di tutto”: “Cristo crocifisso, centro della Storia, centro della mia vita”.