聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 02 10 2017 alle 17,00

Bologna: Discorso alle Piccole Sorelle, 02/10/2017

Una evangelizzazione dei gesti fatta stando insieme ai “più piccoli”

Sono le Piccole sorelle di Gesù come le ha descritte oggi Francesco. In situazioni umanamente difficili “non sono lì principalmente per curare, educare, catechizzare – anche se queste cose le fanno bene –, ma per amare, per stare con i più piccoli, come faceva Gesù, per annunciare il Vangelo con la semplice vita fatta di lavoro, di presenza, di amicizia, di accoglienza incondizionata”.
 


Papa Francesco – Una “evangelizzazione dei gesti” più che “delle parole”, fatta in “situazioni umanamente difficili” stando accanto ai “più piccoli” come faceva Gesù. Sono le Piccole sorelle di Gesù come le ha descritte oggi papa Francesco, che ha ricevuto le partecipanti all’XI Capitolo generale dell’istituto, provenienti da 28 Paesi.

Ricordando la fondatrice, Piccola Sorella Maddalena di Gesù che - sulle orme del Beato Charles de Foucauld - comprese come Dio non abbia avuto “paura di farsi piccolo bambino, fiducioso, tra le braccia di Maria”, per un “amore verso di noi” che si protrae ancora oggi, Francesco ha osservato che a 80 anni circa dalla fondazione più di mille “sorelle” operano oggi nel mondo. “Esse si trovano in situazioni umanamente difficili, con i più piccoli e i più poveri. Non sono lì principalmente per curare, educare, catechizzare – anche se queste cose le fanno bene –, ma per amare, per stare con i più piccoli, come faceva Gesù, per annunciare il Vangelo con la semplice vita fatta di lavoro, di presenza, di amicizia, di accoglienza incondizionata. E’ importante, di vitale importanza per voi ritornare continuamente a questa esperienza originaria della vicinanza di Dio, che si dona mite e umile a noi per salvarci e ricolmarci del suo amore”.

“Non abbiate paura di andare avanti, portando nei vostri cuori il piccolo Bambino Gesù, in tutti i luoghi in cui ci sono i più piccoli del nostro mondo. Rimanete libere da legami con opere e cose, libere per amare coloro che incontrate, dovunque lo Spirito vi conduce. Le difficoltà del tempo presente vi fanno condividere i dolori di tanti fratelli: anche voi, insieme a loro, vi trovate a volte costrette a chiudere o abbandonare le vostre case per fuggire altrove; anche voi conoscete le prove dell’età, della solitudine e della sofferenza; anche voi sperimentate la durezza del cammino quando si tratta di rimanere fedeli attraversando deserti. Ma in tutto questo, l’amore che portate nei vostri cuori fa di voi delle donne libere attaccate all’essenziale”.

Alle suore il Papa ha raccomandato cuore “la qualità della vita fraterna” nelle comunità. Solo se la fraternità viene vissuta all’interno della comunità apre i cuori alla fraternità “verso tutti”. Come la fondatrice invitò le sorelle a farsi “arabi tra gli arabi, nomadi tra i nomadi, lavoratori tra i lavoratori e, soprattutto, umani tra gli esseri umani”, così l’istituto si è diffuso in molti Paesi con l’incontro con “tanti di queste piccoli, di tutte le razze, lingue e religioni”:

“I vostri cuori - ha concluso Francesco - non hanno barriere. Naturalmente, voi non potete cambiare il mondo da sole, ma potete illuminarlo portando la gioia del Vangelo nei quartieri, nelle strade, mescolate alle folle, sempre vicine ai più piccoli”.