聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 02 10 2017 alle 14,48

Bologna: Discorso 01/10/2017

0

Valorizzare l’umanesimo. Quanto dico vale per l’Italia e per l’Europa

Nella sua visita pastorale a Bologna (e Cesena), papa Francesco augura collaborazione fra la Chiesa, l’università e il comune, per dare “un orizzonte” alla vita della città. Solidarietà e dialogo fra le parti sociali per superare la crisi economica, che ha una radice etica: “Alla radice c’è un tradimento del bene comune, da parte sia di singoli sia di gruppi di potere. È necessario quindi togliere centralità alla legge del profitto e assegnarla alla persona e al bene comune”. La beatificazione di Titus Zeman, salesiano slovacco.

 


Papa Francesco- “Vi incoraggio a valorizzare questo umanesimo di cui siete depositari per cercare soluzioni sapienti e lungimiranti ai complessi problemi del nostro tempo, vedendoli sì come difficoltà, ma anche come opportunità di crescita e di miglioramento. E questo che dico vale per l’Italia nel suo insieme e per l’intera l’Europa”. È l’augurio che papa Francesco ha rivolto oggi alla città di Bologna dove è in visita pastorale, incontrando prima dell’Angelus rappresentanti del mondo del lavoro, imprenditori, sindacati e disoccupati. L’incontro è avvenuto nella Piazza Maggiore, davanti alla basilica di san Petronio. E proprio riferendosi a lui, protettore della città, il pontefice ha suggerito la via dell’umanesimo, che è la collaborazione fra “la Chiesa, il Comune e l’Università”.  “Quando essi dialogano e collaborano tra loro - ha aggiunto -  si rafforza il prezioso umanesimo che essi esprimono e la città – per così dire – ‘respira’, ha un orizzonte, e non ha paura di affrontare le sfide che si presentano”.

Il papa ha sottolineato la necessità del dialogo e della solidarietà anche fra le parti sociali. “Non pieghiamo mai - ha detto - la solidarietà alla logica del profitto finanziario, anche perché così la togliamo – potrei dire la rubiamo – ai più deboli che ne hanno tanto bisogno”.

Egli ha anche citato il “Patto per il lavoro” firmato lo scorso maggio dalla Curia bolognese insieme al comune per reintegrare e dare lavoro a molti disoccupati. Esso utilizza fondi del governo locale e di un’eredità della curia (i proventi dell’industria Faac, dei cancelli automatici).

“Il recente ‘Patto per il lavoro’, che ha visto tutte le parti sociali, e anche la Chiesa, firmare un comune impegno per aiutarsi nella ricerca di risposte stabili, non di elemosine, è un metodo importante che auspico possa dare i frutti sperati”. E ha ricordato la radice etica della crisi economica attuale: “La crisi economica - ha detto - ha una dimensione europea e globale; e, come sappiamo, essa è anche crisi etica, spirituale e umana. Alla radice c’è un tradimento del bene comune, da parte sia di singoli sia di gruppi di potere. È necessario quindi togliere centralità alla legge del profitto e assegnarla alla persona e al bene comune. Ma perché tale centralità sia reale, effettiva e non solo proclamata a parole, bisogna aumentare le opportunità di lavoro dignitoso”.

All’Angelus Francesco ha affidato tutta la città alla Madonna di san Luca, il cui santuario domina dalle colline dei dintorni.

Dopo la preghiera mariana, papa Francesco ha ricordato che ieri, a Bratislava (Slovacchia), è stato beatificato Titus Zeman (1915-1969), sacerdote salesiano. All’avvento del comunismo in Cecoslovacchia e al bando degli ordini religiosi, egli continuava ad educare i giovani. Per questo nel 1952 è stato condanno a 25 anni di prigione, dei quali ne scontò solo 12. Ma, debilitato dal carcere, morì nel 1969. “Egli - ha detto il papa - si unisce alla lunga schiera dei martiri del XX secolo…  La sua testimonianza ci sostenga nei momenti più difficili della vita e ci aiuti a riconoscere, anche nella prova, la presenza del Signore”.