聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 27 09 2017 alle 09,10

Santa Marta, 26/09/2017

La familiarità con Gesù è vivere liberi nella sua casa, condividendo i nostri problemi

La familiarità con Dio e con Gesù" che è qualcosa in più rispetto all'essere "discepoli" o "amici"; non è un atteggiamento "formale", né "educato" né tantomeno "diplomatico". E’ "stare con Lui, guardarlo, ascoltare la sua Parola, cercare di praticarla, parlare con Lui".

 


 Papa Francesco– La “familiarità” con Gesù è qualcosa in più rispetto all'essere "discepoli", è vivere nella sua casa, essere liberi, ascoltarlo, rimanere con lui, condividendo i nostri problemi. L’ha detto papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta commentando il passo del Vangelo di Luca, in cui è proprio il Signore a chiamare "madre", "fratelli" e " famiglia" coloro che lo circondano e lo ascoltano nella predicazione.

Questo, ha osservato il Papa, "fa pensare al concetto di familiarità con Dio e con Gesù" che è qualcosa in più rispetto all'essere "discepoli" o "amici"; non è un atteggiamento "formale", né "educato" né tantomeno "diplomatico". E allora "cosa significa questa parola che i padri spirituali nella Chiesa hanno tanto usato e ci hanno insegnato?". Significa, innanzitutto, ha spiegato Francesco, "entrare nella casa di Gesù: entrare in quella atmosfera, vivere quella atmosfera, che è nella casa di Gesù. Vivere lì, contemplare, essere liberi, lì. Perché i figli sono i liberi, quelli che abitano la casa del Signore sono i liberi, quelli che hanno familiarità con Lui sono i liberi. Gli altri, usando una parola della Bibbia, sono i 'figli della schiava', diciamo così, sono cristiani ma non osano avvicinarsi, non osano avere questa familiarità col Signore, e sempre c’è una distanza che li separa dal Signore".

Ma familiarità con Gesù, come ci insegnano i grandi Santi, ha aggiunto il Papa, significa anche "stare con Lui, guardarlo, ascoltare la sua Parola, cercare di praticarla, parlare con Lui". E la parola, è preghiera, "quella preghiera che si fa anche di strada: 'Ma, Signore cosa pensi?' Questa è la familiarità, no? Sempre. I santi ne avevano. Santa Teresa, è bello, perché dice che trovava il Signore dappertutto, era famigliare col Signore dappertutto, anche fra le pentole in cucina, era così".

Familiarità, infine, è "rimanere" in presenza di Gesù come lui stesso ci consiglia nell'Ultima cena o come ci ricorda l'inizio del Vangelo quando Giovanni indica: "questo è l’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. E Andrea e Giovanni andarono dietro Gesù" e, come è scritto, “rimasero, stettero con Lui tutta la giornata”.

E' questo, dunque, l'atteggiamento di familiarità, non quello "buono" di quei cristiani che però si tengono a distanza da Gesù, "tu lì e io qui". E allora, ha concluso  Francesco, "diamo il passo in questo atteggiamento di familiarità col Signore. Quel cristiano, con i problemi, che va nel bus, nel metro e interiormente parla col Signore o almeno sa che il Signore lo guarda, gli è vicino: questa è la familiarità, è vicinanza, è sentirsi della famiglia di Gesù. Chiediamo questa grazia per tutti noi, capire cosa significa familiarità col Signore. Che il Signore ci dia questa grazia".