聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 29 05 2017 alle 18,05

Discorso - Genova, 27/05/2017

La malattia dell’economia e la dignità del lavoro. La preghiera per i martiri copti di Minya

La prima tappa di papa Francesco a Genova è nello stabilimento dell’acciaieria Ilva segnata da difficoltà economiche e disoccupazione. Le virtù del buon imprenditore e del buon lavoratore. Lo “speculatore” è un “mercenario” che vende tutto, anche la sua dignità. Lavoro per tutti e non “assegno sociale”. All’incontro con i sacerdoti, i religiosi e le religiose, Francesco ricorda il martirio dei cristiani copti a Minya e il suo “fratello Tawadros”.
 
 


Papa Francesco – Esiste una “malattia” dell’economia che si annida nella trasformazione dell’imprenditore in “speculatore” e “mercenario”, per il quale non sono importanti i “volti” di coloro che lavorano, né la loro dignità. E “qualche volte il sistema politico sembra incoraggiare chi specula sul lavoro e non chi investe e crede nel lavoro”. Nella sua visita a Genova, papa Francesco mette il dito sulle molte piaghe che affliggono il mondo del lavoro. Francesco e il cardinal Angelo Bagnasco, arcivescovo della città, hanno deciso di iniziare la visita dallo stabilimento dell’Ilva, un’acciaieria in crisi, segnata dalla disoccupazione e dalla fragilità del futuro.

Subito dopo, il papa ha incontrato il clero, i religiosi e le religiose nella cattedrale di san Lorenzo. L’incontro è iniziato con un momento di preghiera e di silenzio per gli uccisi e per tutta la comunità copta egiziana e per il “fratello Tawadros II”, feriti ancora una volta dalla violenza a Minya, nel Basso Egitto. “E ricordiamoci – ha detto Francesco – che i martiri di oggi sono molto più numerosi di quelli all’inizio della storia della Chiesa”.

I due incontri, quello con il mondo del lavoro e quello con i preti e i religiosi, sono stati strutturati come un dialogo fra il pontefice e alcuni rappresentanti.

All’Ilva hanno posto domande un imprenditore, un operaio, una precaria, un disoccupato. Nelle sue risposte, il pontefice ha esaltato le virtù del “buon imprenditore”: ““la creatività, l’amore per la propria impresa, la passione e l’orgoglio per l’opera delle mani e dell’intelligenza sua e dei lavoratori”, la ““capacità di creare, creare lavoro, creare prodotti”.

Vi sono virtù anche del lavoratore: “A volte si pensa che un lavoratore lavori bene solo perché è pagato: questa è una grave disistima dei lavoratori e del lavoro, perché nega la dignità del lavoro che inizia proprio nel lavorare bene per dignità, per onore”.

Per la dignità del lavoro e del lavoratore il papa sembra rifiutare “l’assegno di cittadinanza o di disoccupazione” che alcuni partiti politici sembrano suggerire per ovviare alla disoccupazione. Il pontefice ha invitato a “non rassegnarsi all’ideologia che prende piede e immagina un mondo in cui solo metà lavoreranno e gli altri saranno mantenuti da un assegno sociale: deve essere chiaro che l’obiettivo da raggiungere non è il reddito per tutti, ma il lavoro per tutti, perché senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti”.

Imprenditore e lavoratori sono uniti come “in una famiglia”. E questo determina anche il modo in cui affrontare scelte difficili come i licenziamenti o i fallimenti. “Se e quando deve licenziare qualcuno – ha detto il papa - è sempre una scelta dolorosa e non lo farebbe, se potesse. Nessun buon imprenditore ama licenziare la sua gente. No. Chi pensa di risolvere il problema della sua impresa licenziando la gente, non è un buon imprenditore: è un commerciante. Oggi vende la sua gente, domani … vende la dignità propria. Si soffre sempre, e qualche volta da questa sofferenza nascono nuove idee per evitare il licenziamento. Questo è il buon imprenditore”.

Francesco ha anche precisato che “una malattia dell’economia è la progressiva trasformazione degli imprenditori in speculatori. L’imprenditore non va assolutamente confuso con lo speculatore: sono due tipo diversi. Lo speculatore è una figura simile a quella che Gesù nel Vangelo chiama ‘mercenario’, per contrapporlo al Buon Pastore. Lo speculatore non ama la sua azienda, non ama i lavoratori, ma vede azienda e lavoratori solo come mezzi per fare profitto. Usa azienda e lavoratori per fare profitto. Licenziare, chiudere, spostare l’azienda non gli creano alcun problema, perché lo speculatore usa, strumentalizza, mangia persona e mezzi per i suoi obiettivi di profitto”.

“Quando l’economia è abitata invece da buoni imprenditori, le imprese sono amiche della gente e anche dei poveri. Quando passa nelle mani degli speculatori, tutto si rovina. Con lo speculatore, l’economia perde volto e perde i volti. È un’economia senza volti. Un’economia astratta. Dietro le decisioni dello speculatore non ci sono persone e quindi non si vedono le persone da licenziare e da tagliare. Quando l’economia perde contatto con i volti delle persone concrete, essa stessa diventa un’economia senza volto e quindi un’economia spietata. Bisogna temere gli speculatori, non gli imprenditori. No, non temere gli imprenditori perché ce ne sono tanti bravi! No: temere gli speculatori”.

“Ma paradossalmente, qualche volte il sistema politico sembra incoraggiare chi specula sul lavoro e non chi investe e crede nel lavoro. Perché? Perché crea burocrazia e controlli, partendo dall’ipotesi che gli attori dell’economia siano speculatori, e così chi non lo è rimane svantaggiato e chi lo è riesce a trovare i mezzi per eludere i controlli e raggiungere i suoi obiettivi. Si sa che regolamenti e leggi pensati per i disonesti finiscono per penalizzare gli onesti. E oggi ci sono tanti veri imprenditori, imprenditori onesti che amano i loro lavoratori, che amano l’impresa, che lavorano accanto a loro per portare avanti l’impresa: e questi sono i più svantaggiati da queste politiche che favoriscono gli speculatori. Ma gli imprenditori onesti e virtuosi vanno avanti, alla fine, nonostante tutto”.

Le risposte del papa sono state interrotte decine di volte dagli applausi delle migliaia di operai presenti nel capannone dell’Ilva, alcuni in tuta, altri col casco, altri con bandierine vaticane agitate di continuo. Tutti scandivano “Fran-ce-sco! Fran-ce-sco!”. All’inizio della sua conversazione il papa aveva detto: “C’è sempre stata un’amicizia tra la Chiesa e il lavoro, a partire da Gesù lavoratore. Dove c’è un lavoratore, lì c’è l’interesse e lo sguardo d’amore del Signore e della Chiesa”.

L’incontro con i sacerdoti, i religiosi e le religiose ha avuto il tono di una tranquilla conversazione con aneddoti, fatti, spunti di papa Francesco che ha commentato alcune domande di parroci, giovani preti, religiosi, una suora che gli hanno presentato questioni sulla fraternità sacerdotale, il legame con la diocesi, il carisma dell’istituto religioso, la difficoltà di avere vocazioni a causa della demografia in negativo.