聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 22 05 2017 alle 15,21

Regina Caeli,21/05/2017

0

Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan
I cristiani sappiano amarsi, sull’esempio del Signore. E’ l’appello che il Papa ha lanciato ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro per la recita del Regina Coeli. Francesco ha poi ricordato il sanguinoso conflitto in atto nella Repubblica Centrafricana, chiedendo che si fermi lo scontro armato. Il Papa ha poi annunciato che il prossimo 28 giugno nominerà cinque nuovi cardinali, provenienti da diverse parti del mondo. 
 


Papa Francesco-“Non è mai facile, non è mai scontato”, neanche per i cristiani, saper amare, volere bene “sull’esempio del Signore e con la sua grazia”. Ma è questo amore il più grande comandamento del Vangelo. Papa Francesco al Regina Coeli della sesta Domenica di Pasqua, richiama all’ultima cena di Gesù con i suoi discepoli, quando promette loro che, dopo di lui, non resteranno “orfani”, perché riceveranno “un altro Paraclito”, “lo Spirito della verità”. Parole che trasmettono “la gioia di una nuova venuta di Cristo” per mezzo dello Spirito Santo:

“Meditando queste parole di Gesù, noi oggi percepiamo con senso di fede di essere il popolo di Dio in comunione col Padre e con Gesù mediante lo Spirito Santo. In questo mistero di comunione, la Chiesa trova la fonte inesauribile della propria missione, che si realizza mediante l’amore”.

Invidie e divisioni lasciano il segno anche sul volto della Chiesa

E’ l’amore che ci fa conoscere Gesù, e “l’amore a Dio e al prossimo è il più grande comandamento del Vangelo” – dice Francesco – e “il Signore ci chiama a corrispondere generosamente alla chiamata evangelica all’amore, ponendo Dio al centro della nostra vita e dedicandoci al servizio dei fratelli, specialmente i più bisognosi di sostegno e di consolazione”.

“Se c’è un atteggiamento che non è mai facile, non è mai scontato anche per una comunità cristiana, è proprio quello di sapersi amare, di volersi bene sull’esempio del Signore e con la sua grazia. A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa. Una comunità di cristiani dovrebbe vivere nella carità di Cristo, e invece è proprio lì che il maligno “ci mette lo zampino” e noi a volte ci lasciamo ingannare”.

Le vittime sono i più deboli che si allontanano anche da parrocchie e comunità

A fare le spese di questo atteggiamento – spiega il Papa – “sono le persone spiritualmente più deboli”, che si allontanano perché non si sentono “accolte, capite e amate”:

“Quante persone si sono allontanate per esempio da qualche parrocchia o comunità per l’ambiente di chiacchiericcio, di gelosie, di invidie, che hanno trovato lì.”

Anche per un cristiano – prosegue Francesco - saper amare non è mai un dato acquisito una volta per tutte:

“Ma sentite questo eh! Ogni giorno si deve imparare l’arte di amare, ogni giorni si deve seguire con pazienza la scuola di Cristo, ogni giorni si deve perdonare e guardare Gesù, e questo con l’aiuto di questo avvocato di questo consolatore che Gesù ci ha inviato che è lo Spirito Santo”.

L'appello per il Centrafrica: tacciano le armi prevalga il dialogo

Subito dopo il Regina Coeli, Francesco ha rivolto un accorato appello per la Repubblica Centrafricana, nazione cara al Papa da lui visitata nel 2015. Il Paese è sconvolto da scontri armati che – sono le parole del Papa – “hanno provocato numerose vittime e sfollati, e minacciano il processo di pace”.

Sono vicino alla popolazione e ai vescovi e tutti coloro che si prodigano per il bene della gente e per la pacifica convivenza. Prego per i defunti e i feriti e rinnovo il mio appello: tacciano le armi e prevalga la buona volontà di dialogare per dare al Paese pace e sviluppo.

I cattolici cinesi contribuiscano alla comunione e all'armonia della società

Francesco ha poi invitato i fedeli a unirsi spiritualmente, il prossimo 24 maggio, ai  cattolici in Cina, “nella ricorrenza della Beata Vergine Maria ‘Aiuto dei Cristiani’, venerata nel santuario di Sheshan a Shanghai”:

"Ai cattolici cinesi dico: alziamo lo sguardo a Maria nostra Madre, perché ci aiuti a discernere la volontà di Dio circa il cammino concreto della Chiesa in Cina e ci sostenga nell’accogliere con generosità il suo progetto d’amore. Maria ci incoraggia ad offrire il nostro personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società. Non dimentichiamo di testimoniare la fede con la preghiera e con l’amore, mantenendoci aperti all’incontro e al dialogo, sempre".

Il 28 maggio il Concistoro per la nomina di cinque cardinali

Francesco al termine del Regina Coeli ha annunciato un concistoro il prossimo 28 giugno per la nomina di cinque cardinali:

“La loro provenienza da diverse parti del mondo manifesta la cattolicità della Chiesa diffusa in tutta la terra e l'assegnazione di un titolo o una diaconia nell’urbe esprime l’appartenenza dei cardinali alla diocesi di Roma che, secondo la nota espressione di Sant’Ignazio,  ‘presiede alla carità di tutte le Chiese’”.

I nuovi porporati, che provengono da Mali, Spagna, Svezia, Laos e San Salvador, concelebreranno la Santa Messa con il Papa il 29 giugno, Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo.

I cardinali sono:

Mons. Jean  Zerbo, arcivescovo di Bamako, nel Mali.

Mons. Juan José Omella, arcivescovo di Barcellona, Spagna.  

Mons. Anders Arborelius, vescovo di Stoccolma, Svezia.

Mons. Luis Marie-Ling Mangkhanekhoun, vescovo titolare di Acque Nuove di Proconsolare, vicario apostolico di Paksé, nel Laos.  

Mons. Gregorio Rosa Chávez, vescovo titolare di Mulli, ausiliare dell’arcidiocesi di San Salvador, a El Savador.

 

Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. 

I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”.  

Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. 

A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.