聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 04 2017 alle 09,40

Santa Marta, 06/04/2017

Fermarsi dieci minuti a guardare alla propria storia per scoprire la bellezza dell’amore di Dio.

Il Signore è fedele sempre. Lo dimostra la vicenda di Abramo, uomo di fede e di speranza, un sognatore che ha obbedito sempre e ha visto la realizzazione delle promesse.


Papa Francesco– Fermarsi a riflettere a come Dio è stato fedele alla sua alleanza, alla sua promessa, nella vita di ognuno di noi. “Fermarsi dieci minuti” a guardare alla propria storia per scoprire la bellezza dell’amore di Dio, anche nelle prove, è l’invito che papa Francesco ha rivolto a conclusione della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando la figura di Abramo, che è centrale nella liturgia di oggi.

Nella Prima lettura si narra, infatti, dell’alleanza che Dio fece con Abramo, chiamato “padre” da Gesù e dai farisei, nel Vangelo odierno, perché è colui che iniziò a generare “questo popolo che oggi è la Chiesa”. Abramo, si fida, obbedisce, quando viene chiamato ad andarsene in un’altra terra che avrebbe ricevuto in eredità.

Uomo di fede e di speranza, crede quando gli viene detto che avrebbe avuto un figlio “a 100 anni”, con “la moglie sterile”, "credette contro ogni speranza". “Se qualcuno cercasse di fare la descrizione della vita di Abramo, potrebbe dire: ‘Questo è un sognatore’”. E qualcosa del sognatore aveva, ma di “quel sogno della speranza”, non era un pazzo. “Messo alla prova – ha spiegato - dopo avere avuto il figlio, figlio ragazzo, adolescente, gli viene chiesto di offrirlo in sacrificio: obbedì e andò avanti contro ogni speranza. E questo è nostro padre Abramo, che va avanti, avanti, avanti, e quando Gesù dice che Abramo vide il suo giorno, vide Gesù, fu pieno di gioia. Sì: vide in promessa quello e quella gioia di vedere la pienezza della promessa dell’alleanza, la gioia di vedere che Dio non lo aveva ingannato, che Dio – come abbiamo pregato nel cantico interlezionale – è sempre fedele alla sua alleanza”.

Lo stesso Salmo responsoriale invita a ricordare i suoi prodigi. Questo per noi, stirpe di Abramo, è come quando pensiamo a nostro padre che se ne è andato, e ricordiamo “le cose buone di papà” e pensiamo: “Ma è grande papà!”.

Il patto, da parte di Abramo, consiste nell’aver obbedito “sempre”. Da parte di Dio, la promessa è di renderlo “padre di una moltitudine di nazioni”. “Non ti chiamerai più Abram ma Abramo” gli dice il Signore. E Abramo credette. Poi in un altro dialogo, sempre nel libro della Genesi, Dio gli dice che la sua discendenza sarà numerosa come le stelle del cielo e la sabbia che è sulla riva del mare. E oggi noi “possiamo dire”: “Io sono una di quelle stelle. Io sono un granello della sabbia”.

Fra Abramo e noi, ha osservato Francesco, c’è quindi l’altra storia, la storia del Padre dei Cieli e di Gesù che per questo dice ai farisei che Abramo esultò nella speranza di vedere il “mio giorno”. “Lo vide e fu pieno di gioia”. Questo è il grande messaggio e la Chiesa oggi invita proprio a fermarsi e a guardare le “nostre radici”, “nostro padre” che “ci ha fatto popolo, cielo pieno di stelle, spiagge piene di granelli di sabbia”. “Guardare la storia: io non sono solo, sono un popolo. Andiamo insieme. La Chiesa è un popolo. Ma un popolo sognato da Dio, un popolo che ha dato un padre sulla Terra che obbedì, e abbiamo un fratello che ha dato la sua vita per noi, per farci popolo. E così possiamo guardare il Padre, ringraziare; guardare Gesù, ringraziare; e guardare Abramo e noi, che siamo parte del cammino”.

Francesco ha invitato dunque a fare di oggi “un giorno di memoria”, evidenziando che “in questa grande storia, nella cornice di Dio e Gesù, c’è la piccola storia di ognuno di noi”. “Vi invito a prendere, oggi – ha concluso - cinque minuti, dieci minuti, seduti, senza radio, senza tv; seduti, e pensare alla propria storia: le benedizioni e i guai, tutto. Le grazie e i peccati: tutto. E guardare lì la fedeltà di quel Dio che è rimasto fedele alla sua alleanza, è rimasto fedele alla promessa che aveva fatto ad Abramo, è rimasto fedele alla salvezza che aveva promesso in suo Figlio Gesù. Sono sicuro che in mezzo alle cose forse brutte – perché tutti ne abbiamo, tante cose brutte, nella vita – se oggi facciamo questo, scopriremo la bellezza dell’amore di Dio, la bellezza della sua misericordia, la bellezza della speranza. E sono sicuro che tutti noi saremo pieni di gioia”.