聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 15 02 2017 alle 21,12

UDIENZA GENERALE, 15/02/2/2017

La speranza cristiana non esclude né emargina nessuno.

La consapevolezza dell’amore di Dio per noi è la “radice” della speranza cristiana, che non delude “mai” e non esclude né emargina nessuno. Così il Papa all’udienza generale in Aula Paolo VI, intervallata più volte da canti e cori di fedeli provenienti da tutto il mondo, che Francesco ha salutato con gioia esortandoli ad usare la stessa insistenza “con la preghiera”, per chiedere “qualcosa al Signore”. 


Papa Francesco-La speranza non delude mai

La speranza che il Signore ci ha donato “non ci separa dagli altri”, né ci porta “a screditarli o emarginarli”. Papa Francesco torna sul senso della speranza cristiana, spiegando come essa non deluda “mai”, perché “solida”, perché il suo “fondamento” è “ciò che di più fedele e sicuro possa esserci”, cioè l’amore che Dio nutre “per ciascuno di noi”.

“E’ facile dire: Dio ci ama. Tutti lo diciamo. Ma pensate un po’: ognuno di noi è capace di dire: sono sicuro che Dio mi ama? Non è tanto facile dirlo. Ma è vero. E’ un buon esercizio, questo, dirsi a se stessi: Dio mi ama. Questa è la radice della nostra sicurezza, la radice della speranza. E il Signore ha effuso abbondantemente nei nostri cuori lo Spirito - che è l’amore di Dio - come artefice, come garante, proprio perché possa alimentare dentro di noi la fede e mantenere viva questa speranza”.

Dio apre la sua casa a tutti, a cominciare dagli ultimi

Il fatto che Dio ci ami sempre - anche in un “momento brutto” o quando abbiamo commesso una cosa “cattiva” - è dunque una “sicurezza” che “nessuno” ci toglie. E - aggiunge - “dobbiamo ripeterlo come preghiera”. La speranza è allora un “dono straordinario” del quale siamo chiamati a farci “canali”, con “umiltà e semplicità”, per tutti:

“Il nostro vanto più grande sarà quello di avere come Padre un Dio che non fa preferenze, che non esclude nessuno, ma che apre la sua casa a tutti gli esseri umani, a cominciare dagli ultimi e dai lontani, perché come suoi figli impariamo a consolarci e a sostenerci gli uni gli altri”.

A vantarsi sono i ‘pavoni’

Il Pontefice riflette su un passo della Lettera ai Romani, in cui San Paolo esorta a vantarci, nonostante, spiega Francesco, non sia una “bella cosa”:

“Nella mia terra, quelli che si vantano li chiamano ‘pavoni’. Ed è giusto, perché vantarsi di quello che si è o di quello che si ha, oltre a una certa superbia, tradisce anche una mancanza di rispetto nei confronti degli altri, specialmente verso coloro che sono più sfortunati di noi”.

Ad agire è Dio

Eppure di qualcosa, osserva il Papa, “è giusto vantarsi”. L’Apostolo delle Genti invita a vantarci “dell’abbondanza della grazia di cui siamo pervasi in Gesù Cristo”, per mezzo della fede, perché “se impariamo a leggere ogni cosa con la luce dello Spirito Santo” ci accorgiamo che “tutto è grazia”, “tutto è dono”:

“Se facciamo attenzione, infatti, ad agire – nella storia, come nella nostra vita – non siamo solo noi, ma è anzitutto Dio. È Lui il protagonista assoluto, che crea ogni cosa come un dono d’amore, che tesse la trama del suo disegno di salvezza e che lo porta a compimento per noi, mediante il suo Figlio Gesù. A noi è richiesto di riconoscere tutto questo, di accoglierlo con gratitudine e di farlo diventare motivo di lode, di benedizione e di grande gioia”.

La pace in tutte le relazioni della nostra vita

Così facendo, aggiunge Francesco, siamo “in pace” con Dio e facciamo esperienza della libertà:

“E questa pace si estende poi a tutti gli ambiti e a tutte le relazioni della nostra vita: siamo in pace con noi stessi, siamo in pace in famiglia, nella nostra comunità, al lavoro e con le persone che incontriamo ogni giorno sul nostro cammino”.

Sperimentiamo che Dio ci ama

Paolo, prosegue il Papa, esorta poi a vantarci nelle tribolazioni: anche se risulta “più difficile” da capire, assicura il Papa, è il presupposto “più autentico, più vero” di ogni condizione di pace. Infatti, la pace che ci offre il Signore non va intesa come “l’assenza di preoccupazioni, di delusioni, di mancanze, di motivi di sofferenza”. Se fosse così, si finirebbe “inevitabilmente nello sconforto”:

“La pace che scaturisce dalla fede è invece un dono: è la grazia di sperimentare che Dio ci ama e che ci è sempre accanto, non ci lascia soli nemmeno un attimo della nostra vita. E questo, come afferma l’Apostolo, genera la pazienza, perché sappiamo che, anche nei momenti più duri e sconvolgenti, la misericordia e la bontà del Signore sono più grandi di ogni cosa e nulla ci strapperà dalle sue mani e dalla comunione con Lui”.

Cultura inclusiva e unità della fede in Europa

Comprendiamo così perché l’Apostolo Paolo ci esorti a vantarci dell’amore di Dio: perché il Signore “mi ama”, conclude Francesco, esortando nei saluti nelle varie lingue a “promuovere sempre una cultura inclusiva per le persone sole e per i senza fissa dimora”. Quindi rammenta che ieri abbiamo ricordato i santi Patroni d’Europa, Cirillo e Metodio: ricordano all’Europa e a noi tutti - sottolinea - “il bisogno di mantenere l’unità della fede, la tradizione, la cultura cristiana e di vivere ogni giorno il Vangelo”.