聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 08 02 2017 alle 20,38

UDIENZA GENERALE, 08/02/2017

Sono spesso i poveri e i sofferenti ad insegnarci la speranza.

Chi perde la speranza finisce nella disperazione e fa “cose brutte”: impariamo dai poveri e dagli emarginati a sperare, rimanendo vicini a chi si sente abbattuto dal “peso della vita” e non riesce a “sollevarsi”. Così il Papa all’Udienza generale in Aula Paolo VI, proseguendo il ciclo delle catechesi sulla speranza cristiana e soffermandosi sulla fonte del conforto reciproco e della pace.

 


Papa Francesco-A sperare è chi sperimenta ogni giorno la precarietà

Sono gli ultimi delle nostre società che ci insegnano a sperare, perché “nessuno” impara a farlo “da solo”. All’udienza generale, riallacciandosi alla Prima Lettera di San Paolo ai Tessalonicesi, Papa Francesco chiarisce che la speranza, “per alimentarsi”, ha bisogno necessariamente di un “corpo”, di una “dimora naturale”, cioè la Chiesa: la speranza cristiana, spiega, non ha solo un respiro personale, individuale, ma “comunitario, ecclesiale”: le varie “membra” - continua il Pontefice - si sostengono e si ravvivano “a vicenda”. E, se speriamo, è perché “tanti nostri fratelli e sorelle” hanno tenuto “viva” per noi la speranza:

“Tra questi, si distinguono i piccoli, i poveri, i semplici, gli emarginati. Sì, perché non conosce la speranza chi si chiude nel proprio benessere: spera soltanto nel suo benessere e questo non è speranza: è sicurezza relativa; non conosce la speranza chi si chiude nel proprio appagamento, chi si sente sempre a posto… A sperare sono invece coloro che sperimentano ogni giorno la prova, la precarietà e il proprio limite”.

La misericordia del Padre

Questi fratelli, evidenzia Francesco, danno la testimonianza “più bella, più forte”, perché rimangono “fermi” nell’affidamento al Signore:

“Al di là della tristezza, dell’oppressione e della ineluttabilità della morte, l’ultima parola sarà la sua, e sarà una parola di misericordia, di vita e di pace. Chi spera, spera di sentire un giorno questa parola: 'Vieni, vieni da me, fratello; vieni, vieni da me, sorella, per tutta l’eternità’”.

La vicinanza della Chiesa verso chi è scoraggiato

L’invito è a porre l’attenzione sui fratelli che rischiano maggiormente di perdere la speranza: abbiamo “sempre” notizie, osserva il Papa, di gente “che cade nella disperazione e fa cose brutte”:

“La disperazione li porta a tante cose brutte. Il riferimento è a chi è scoraggiato, a chi è debole, a chi si sente abbattuto dal peso della vita e delle proprie colpe e non riesce più a sollevarsi. In questi casi, la vicinanza e il calore di tutta la Chiesa devono farsi ancora più intensi e amorevoli, e devono assumere la forma squisita della compassione, che non è avere compatimento: la compassione è patire con l’altro, soffrire con l’altro, avvicinarmi a chi soffre; una parola, una carezza, ma che venga dal cuore; questa è la compassione. Per chi ha bisogno del conforto e della consolazione”.

Mai ricambiare il male col male

Ciò è quanto mai “importante”, perché la speranza cristiana “non può fare a meno” della carità genuina e concreta. Come spiega l’Apostolo delle genti nella Lettera ai Romani, sono i “forti” - che hanno fede, speranza o non hanno “tante difficoltà”, dice il Papa - ad avere il dovere di “portare le infermità dei deboli”, senza compiacersi.

“Portare le debolezze altrui. Questa testimonianza poi non rimane chiusa dentro i confini della comunità cristiana: risuona in tutto il suo vigore anche al di fuori, nel contesto sociale e civile, come appello a non creare muri ma ponti, a non ricambiare il male col male, a vincere il male con il bene, l’offesa con il perdono – il cristiano mai può dire: me la pagherai!, mai; questo non è un gesto cristiano; l’offesa si vince con il perdono –, a vivere in pace con tutti. Questa è la Chiesa!".

Sostenersi a vicenda

Ed è anche, continua Francesco, ciò che opera la speranza cristiana, “quando assume i lineamenti forti e al tempo stesso teneri dell’amore”, perché esso è “forte e tenero”. Il Papa esorta dunque, nelle nostre comunità, a sostenersi a vicenda:

“Aiutarci a vicenda. Ma non solo aiutarci nei bisogni, nei tanti bisogni della vita quotidiana, ma aiutarci nella speranza, sostenerci nella speranza”.

Lo Spirito Santo è l'anima della speranza

Tocca in primis a coloro ai quali “è affidata la responsabilità e la guida pastorale”, non perché - puntualizza il Pontefice - “siano migliori degli altri”, ma in forza di un ministero divino che va “ben al di là” delle loro forze: hanno perciò “bisogno del rispetto, della comprensione e del supporto benevolo” di tutti. Quindi Francesco ricorda che il “soffio vitale”, l’anima della speranza è lo Spirito Santo: senza invocarlo, “non si può avere speranza”:

“Se non è facile credere, tanto meno lo è sperare. E’ più difficile sperare che credere, è più difficile. Ma quando lo Spirito Santo abita nei nostri cuori, è Lui a farci capire che non dobbiamo temere, che il Signore è vicino e si prende cura di noi; ed è Lui a modellare le nostre comunità, in una perenne Pentecoste, come segni vivi di speranza per la famiglia umana”.