聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 19 01 2017 alle 21,20

UDIENZA GENERALE,18/01/2017

0

Scoprire nel pericolo il bisogno di sperare nel Dio della vita.

Davanti alla morte e al pericolo l’uomo comprende la propria fragilità e il proprio bisogno di salvezza, pregando e riconoscendo la necessità di “sperare nel Dio della vita”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale tenuta oggi in Aula Paolo VI e dedicata al ciclo sulla speranza cristiana.

 


Papa Francesco-Il legame tra speranza e preghiera

Sta nel legame tra speranza e preghiera la certezza che la misericordia di Dio “perdona” sempre. Papa Francesco riflette su quella che definisce una figura “un po’ anomala” delle Sacre Scritture, il profeta Giona, che - spiega - tenta di sottrarsi alla chiamata del Signore rifiutando di mettersi “al servizio del piano divino di salvezza”. Eppure, aggiunge il Pontefice, capirà che “davanti al pericolo e alla morte” proprio la speranza “si esprime in preghiera”:

“Che il Signore ci faccia capire questo legame fra preghiera e speranza. La preghiera ti porta avanti nella speranza e quando le cose diventano buie, occorre più preghiera! E ci sarà più speranza”.

Il Dio della vita

Francesco ripercorre le vicende di Giona, un profeta “in uscita”, ma proprio per il suo atteggiamento anche “in fuga”: Dio lo invia “in periferia”, a Ninive, oggi in Iraq, per convertirne gli abitanti. All’epoca, “per un israelita come Giona” la città rappresentava una “realtà minacciosa”, che metteva in pericolo Gerusalemme: “dunque da distruggere, non certo da salvare”. Perciò - prosegue - quando Dio manda Giona a predicare in quella città, il profeta “che conosce la bontà del Signore e il suo desiderio di perdonare” cerca di sottrarsi al suo compito e fugge “in Spagna”, aggiunge il Papa. Nella traversata, entra così in contatto con dei marinai pagani che durante una tempesta invocano ciascuno il loro Dio. E così viene esortato a fare anche Giona:

“La reazione di questi ‘pagani’ è la giusta reazione davanti alla morte, davanti al pericolo; perché è allora che l’uomo fa completa esperienza della propria fragilità e del proprio bisogno di salvezza. L’istintivo orrore del morire svela la necessità di sperare nel Dio della vita”.

Il sorriso indulgente di Dio

Sono dunque parole di quella speranza “che diventa preghiera” davanti ad “un imminente pericolo di morte”:

“Troppo facilmente noi disdegniamo il rivolgerci a Dio nel bisogno come se fosse solo una preghiera interessata, e perciò imperfetta. Ma Dio conosce la nostra debolezza, sa che ci ricordiamo di Lui per chiedere aiuto, e con il sorriso indulgente di un padre, Dio risponde benevolmente”

Il riconoscimento del vero Signore
Giona riconosce le proprie responsabilità e si fa gettare in mare per salvare i compagni di viaggio: la tempesta, così, si placa. La “morte incombente” ha portato dunque alla preghiera e il profeta vive la propria vocazione “al servizio degli altri” accettando di sacrificarsi per loro e conducendo i sopravvissuti al riconoscimento e alla lode del “vero Signore”.

“La speranza, che li aveva indotti a pregare per non morire, si rivela ancora più potente e opera una realtà che va anche al di là di quanto essi speravano: non solo non periscono nella tempesta, ma si aprono al riconoscimento del vero e unico Signore del cielo e della terra”.

Nostra sorella morte

Successivamente, prosegue il Papa, anche gli abitanti di Ninive, davanti alla prospettiva di essere distrutti, “pregheranno, spinti dalla speranza nel perdono di Dio”: faranno penitenza, invocheranno il Signore e si convertiranno a Lui. Perché aver affrontato la morte ed esserne usciti salvi li ha portati alla “verità”:

“Così, sotto la misericordia divina, e ancor più alla luce del mistero pasquale, la morte può diventare, come è stato per san Francesco d’Assisi, “nostra sorella morte” e rappresentare, per ogni uomo e per ciascuno di noi, la sorprendente occasione di conoscere la speranza e di incontrare il Signore. Che il Signore ci faccia capire questo legame fra preghiera e speranza. La preghiera ti porta avanti nella speranza e quando le cose diventano buie, occorre più preghiera! E ci sarà più speranza”.