聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 26 12 2016 alle 21,15

ANGELUS,26/12/2016

0

Affetto, preghiera, pianto per i cristiani odiati nel mondo

Il martirio cristiano continua ad essere presente nella storia della Chiesa, 

cosi il Papa all’Angelus, nell’odierna solennità di Santo Stefano, protomartire, 

vittima dell’odio verso Gesù. Francesco ha poi espresso il suo cordoglio per le vittime dell’incidente aereo in Russia.


Papa Francescoo“Da Stefano fino ai nostri giorni”, il rifiuto, la persecuzione, il martirio dei cristiani – ha ricordato Francesco - erano stati preannunciati da Gesù ai discepoli:  "Sarete odiati da tutti a causa del mio nome":

“Il mondo odia i cristiani per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù, perché Lui ha portato la luce di Dio e il mondo preferisce le tenebre per nascondere le sue opere malvage"..

“C’è opposizione tra la mentalità del Vangelo e quella mondana”.

"Seguire Gesù vuol dire seguire la sua luce, che si è accesa nella notte di Betlemme, e abbandonare le tenebre del mondo”.

“Il protomartire Stefano” infatti “venne lapidato perché confessò la sua fede in Gesù Cristo”.

“Scegliendo la verità, egli è diventato nello stesso tempo vittima del mistero dell’iniquità presente nel mondo. Ma in Cristo Stefano ha vinto!”.

“Anche oggi la Chiesa” - ha sottolineato il Papa - “sperimenta in diversi luoghi dure persecuzioni, fino alla suprema prova del martirio”. “Quanti nostri fratelli e sorelle nella fede subiscono soprusi, violenze e sono odiati a causa di Gesù!".

"I martiri di oggi sono in numero maggiore rispetto a quelli dei primi secoli. Quando noi leggiamo la Storia dei primi secoli, qui, a Roma, leggiamo tanta crudeltà con i cristiani; io vi dico: la stessa crudeltà c’è oggi, e in numero maggiore, con i cristiani".

Quindi la speciale dedica del Papa:

"Oggi vogliamo pensare a loro, che soffrono persecuzioni ed essere vicini a loro con il nostro affetto, la nostra preghiera e anche il nostro pianto”.

Ha reso omaggio, Francesco, ai cristiani perseguitati nell’Iraq che hanno celebrato il Natale nella loro cattedrale distrutta: “Esempio di fedeltà al Vangelo”.

Nonostante “prove” e “pericoli”, “testimoniano con coraggio la loro appartenenza a Cristo…” ...

“….e vivono il Vangelo impegnandosi a favore degli ultimi, dei più trascurati, facendo del bene a tutti senza distinzione; testimoniano così la carità nella verità".

Da qui l’invito di Francesco a tutti i fedeli a rinnovare “la gioiosa e  coraggiosa volontà” di seguire Gesù “come unica guida” ...

“…perseverando nel vivere secondo la mentalità evangelica e rifiutando la mentalità dei dominatori di questo mondo”.

Dopo la preghiera mariana il Papa ha espresso il suo cordoglio per le vittime dell’aereo russo precipitato ieri nel Mar Nero.

“Il Signore consoli il caro popolo russo e i familiari dei passeggeri che erano a bordo: giornalisti, equipaggio e l’eccellente coro e orchestra delle Forze armate”,

Coro che si era esibito in Vaticano nel 2004 per il 26.mo di pontificato di San Giovanni Paolo II.

Francesco ha infine ringraziato per i tanti messaggi augurali ricevuti da tutto il mondo.

“Non essendomi possibile rispondere a ciascuno, esprimo oggi a tutti il mio sentito ringraziamento, specialmente per il dono della preghiera. Grazie di cuore! Il Signore vi ricompensi con la sua generosità!”.